Virus SARS-CoV-2 in Lombardia: 38enne ricoverato in terapia intensiva a Codogno (LO). Tre contagiati

337

Il virus SARS-CoV-2 inizia a preoccupare anche l’Italia: “Un 38enne italiano è risultato positivo al test del coronavirus”, dichiara l’Assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera. “Sono in corso le controanalisi a cura dell’Istituto Superiore di Sanità. L’uomo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno i cui accessi al pronto soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie”. Il 38enne non sarebbe stato di recente in zone a rischio ma sarebbe invece stato a cena con un collega rientrato dalla Cina e che all’epoca non presentava sintomi. “Tra la cena e il manifestarsi dei sintomi sono passati 16-18 giorni”, riporta Gallera. Anche il collega, presentatosi spontaneamente, è attualmente in isolamento presso l’Ospedale Sacco di Milano, altro punto di riferimento nazionale, insieme all’istituto Spallanzani di Roma, per le emergenze infettivologiche.

Oltre al paziente ricoverato in prognosi riservata, risultano contagiati anche la moglie e uno stretto conoscente. “Sono stati già effettuati tutti gli accertamenti diagnostici necessari sui medici, gli infermieri e i pazienti dell’ospedale di Codogno dove si è presentato il paziente risultato positivo al Coronavirus. Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio”, spiega Gallera. Come riportato dall’Ansa, sarebbero circa una sessantina i soggetti che avrebbero avuto contatti con il paziente ricoverato a Codogno e per i quali verrà predisposta la quarantena. Continuano nel frattempo gli accertamenti per ricostruire spostamenti e possibili contatti del collega rientrato dalla Cina.

MAPPA INTERATTIVA

A questo link è possibile consultare la mappa interattiva con i dati aggiornati sulla diffusione del COVID-19 elaborati dalla Johns Hopkins University | JHU CSSE.