Unicef: registrato nelle ultime 24 ore il più alto numero giornaliero di casi COVID-19 in India

245

“L’India è nella morsa di una feroce seconda ondata di COVID-19. Nelle ultime 24 ore, l’India ha sopportato il peso di 414.188 nuovi casi giornalieri, che è il più alto numero giornaliero di casi mai registrato da qualsiasi paese nella storia della pandemia da COVID-19, superiore anche al numero del giorno prima (412.262)”, dichiara la rappresentante Unicef, Yasmin Ali Haque, nel corso della conferenza stampa del 07 maggio presso Palazzo delle Nazioni, Ginevra. “Ci sono stati 3.915 decessi dovuti al COVID-19. L’Unicef è molto preoccupato per questa mortale ondata quotidiana di nuovi casi. Questa ondata è quasi 4 volte più grande della prima e il virus si sta diffondendo molto più velocemente. In media ci sono stati più di 4 nuovi casi ogni secondo e più di 2 morti ogni minuto nelle ultime 24 ore.”

“Con l’aumento dei casi, il virus sta anche colpendo più persone in tutte le fasce d’età, compresi i bambini, anche piccoli. Quello che sta succedendo in India dovrebbe far scattare un campanello d’allarme per tutti noi. La pandemia è lungi dall’essere finita. I casi di COVID-19 stanno aumentando a un ritmo allarmante in tutta l’Asia meridionale, specialmente in Nepal, Sri Lanka e Maldive. Interi sistemi sanitari potrebbero collassare, portando a ulteriori tragiche perdite di vite umane. I livelli molto bassi di vaccinazione nella maggior parte dei paesi dell’Asia meridionale (meno del 10% in India, Sri Lanka e Nepal) stanno aumentando la preoccupazione che il virus possa diffondersi ulteriormente.”

“Oltre all’Asia meridionale, stiamo assistendo a situazioni allarmanti anche in altre parti del mondo. Insieme all’aumento dei casi da COVID-19, è aumentato anche l’impatto sui bambini colpiti dal virus. E naturalmente l’impatto dell’epidemia e delle misure sanitarie e sociali sui bambini sarà probabilmente aggravato dalla seconda ondata. Stanno vivendo una tragedia. I bambini stanno perdendo i genitori e chi si prende cura di loro a causa del virus, lasciando molti di loro in situazioni di indigenza, senza le cure dei genitori. Anche se non ci sono ancora abbastanza dati, sono emerse sui social media richieste di adozione illegale, rendendo questi orfani vulnerabili alla tratta e agli abusi. L’Unicef chiede maggiori sforzi per salvaguardare questi orfani. Dobbiamo promuovere cure famigliari, rintracciare le famiglie, aumentare i funzionari e accelerare la protezione delle famiglie indigenti. Questa impennata sta avendo conseguenze terribili per i bambini, il cui accesso ai servizi sanitari, sociali, di protezione e formativi essenziali è limitato. I bambini stanno affrontando problemi di salute mentale e sono a maggior rischio di violenza, poiché le chiusure li escludono dalle loro vitali reti di sostegno. Stanno perdendo le vaccinazioni di routine salvavita, cure fondamentali e il trattamento per la polmonite e altre malattie.”

“Con 27milioni di nascite e 30milioni di gravidanze ogni anno, i servizi salvavita per aiutare le donne a partorire sono fondamentali in India. Tuttavia, poiché le strutture sanitarie continuano ad essere sommerse dal trattamento dei pazienti affetti da COVID-19, arrivano notizie di donne in stato di gravidanza che lottano per trovare il supporto necessario per partorire. Con la metà dei bambini sotto i 5 anni in India che sono malnutriti, l’attuale crisi del COVID-19 potrebbe avere un ulteriore impatto sulla nutrizione dei bambini e sulla fornitura di servizi in tutto il Paese.”

“Le scuole in tutto il paese rimangono chiuse, e anche l’apprendimento a distanza è interrotto in diversi stati. Questo sta strappando 247milioni di bambini in età da scuola elementare e secondaria da questi spazi sicuri, proprio quando ne hanno più bisogno. Inoltre, molti bambini non hanno accesso all’apprendimento digitale. Quindi, i bambini in India continueranno a perdere l’apprendimento. Stiamo assistendo il Governo per garantire che i servizi cruciali per i bambini più vulnerabili continuino a funzionare in tutti gli Stati.”