Tumore ovarico, le proteine che facilitano le metastasi

1322

Le metastasi tumorali rappresentano una delle cause più frequenti di mortalità nelle donne con carcinoma ovarico. Comprendere le ragioni della diffusione metastatica è una delle sfide più importanti che la ricerca sul cancro tenta di affrontare. E proprio uno studio interdisciplinare dell’Istituto Regina Elena di Roma, coordinato da Laura Rosanò in collaborazione con Anna Bagnato, del laboratorio di Modelli Preclinici e Nuovi Agenti Terapeutici, sembra aver centrato questo importante obiettivo. È stato infatti osservato che la presenza concomitante di tre proteine in donne con tumore ovarico è associata a un tumore più aggressivo.

Le tre proteine sono i recettori dell’endotelina, la β-arrestina e hMENA; questo studio dimostra che il recettore per l’endotelina, in associazione con la proteina β-arrestina, guida la formazione di invadopodi maturi sia nel tempo sia nello spazio. Inoltre dal lavoro emerge che la proteina del citoscheletro hMENA è un elemento chiave di questi processi, dato che agisce legando il recettore dell’endotelina e la β-arrestina, e crea così un’interazione sinergica mai studiata prima nei tumori. In particolare i ricercatori hanno dimostrato che l’espressione concomitante delle tre proteine nei tessuti tumorali delle pazienti con cancro dell’ovaio è associata a un decorso peggiore della malattia. Lo studio è stato pubblicato su PNAS.