La trasformazione dei servizi socio-assistenziali per i cittadini in Emilia Romagna

596

Come possono trasformarsi i servizi socio-assistenziali per i cittadini grazie all’innovazione tecnologica e all’intelligenza artificiale? Regione Emilia Romagna, Assessorato alla Sanità, ASL-Bologna e Comune di Bologna hanno lavorato con Engineering, tra le principali realtà impegnate nella trasformazione digitale, nella realizzazione di questo che attualmente è un modello sperimentale: scaricando l’app iCare Assitant dallo store Android, dal 26 ottobre al 26 novembre, i partecipanti al Festival e i cittadini potranno rivivere in prima persona la storia di Sara, mamma di 3 bambini che vive la sua esperienza di accesso ai “nuovi servizi di welfare digitale”: nella simulazione sarà possibile verificare come con iCare Assistant si venga guidati fin da casa – selezionando la lingua tra le disponibili – attraverso la scoperta e la prenotazione dei servizi di cui si necessita; l’accompagnamento per Sara prosegue poi fino all’ingresso della Casa della Salute, dove viene riconosciuta e, sulla base delle prestazioni di cui ha bisogno e della rilevazione delle proprie caratteristiche fisico-sanitarie, viene accompagnata con l’app all’interno dell’edificio attraverso una vera e propria navigazione 3D, fino all’ambulatorio presso cui ha appuntamento. L’esplorazione e la visita della Casa della Salute raggiunge una dimensione ancora più immersiva se dall’app si attiva la Realtà Aumentata semplicemente inquadrando lo spazio circostante con il proprio dispositivo mobile; questo consente infatti di accedere in tempo reale a indicazioni di percorso, informazioni e punti di interesse.

Un concept di trasformazione digitale dei servizi socio-assistenziali che consente ai cittadini di sperimentare un’esperienza di efficienza e accompagnamento, coerentemente con l’obiettivo della Regione Emilia Romagna, Assessorato alla Sanità di definire sempre nuovi standard qualitativi per il welfare territoriale. Le Case della Salute sono infatti il modello organizzativo dei servizi socio-assistenziali che la Regione sta realizzando su tutto il territorio: un unico luogo, vicino e abituale, dove essere assistiti senza dover girare per il territorio e dove si concentrano tutti i professionisti e i servizi territoriali integrati di ambito sociale e sanitario. “Le nuove tecnologie entrano sempre di più nel nostro modo di vivere e lavorare e possono essere di grande aiuto nell’accesso a servizi fondamentali per ognuno di noi, come quelli che si trovano all’interno delle Case della Salute”, commenta il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. “La App che vediamo oggi è una sperimentazione, che ci ricorda però come il futuro sia già qui, ora. L’Emilia-Romagna è sempre di più la Data Valley europea, sta rafforzando il proprio ruolo di hub nazionale internazionale dei sistemi di supercalcolo, dei Big data e dell’Intelligenza Artificiale, con investimenti in infrastrutture digitali che hanno immediate ricadute nella quotidianità delle persone. È quindi naturale che qui vi siano risorse e professionalità per pensare e realizzare uno strumento come questo, che può avere una valenza sociale e di aiuto importante per l’utente. Ciò che abbiamo chiaro è che vogliamo essere pronti ad affrontare alcune delle sfide non più rinviabili: il cambiamento climatico, lo sviluppo di nuovi materiali, la gestione della mobilità, la medicina personalizzata e predittiva. E stiamo realizzando qui, nel Tecnopolo di Bologna, dove avranno sede le più importanti istituzioni scientifiche nazionali, il Data center del Centro Meteo europeo, l’Agenzia nazionale Italia Meteo e il supercomputer europeo Leonardo, il luogo dove pensare e realizzare soluzioni nuove a disposizione della comunità regionale e non solo.”

Di tutto questo si è discusso alla Casa della Salute Navile. Sono intervenuti Pierfrancesco Ghedini, direttore Servizio Tecnologie Informatiche e di Comunicazione (Azienda Usl di Bologna); Maria Adele Mimmi, capo area Welfare e Promozione del Benessere della Comunità (Comune di Bologna); Piero Luisi, direttore Innovation PA & Sanità di Engineering. A seguire Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, ha inaugurato il nuovo modello sperimentale di servizio iCare Assistant, primo in Italia nel suo genere, realizzato da Engineering, in grado di accompagnare l’assistito per tutto il tragitto casa-ambulatorio, proponendo anche, all’interno della Casa della Salute Navile di Bologna, un nuovo concetto di “UltraLuogo”, attraverso la consultazione di servizi in realtà aumentata utili all’utente.

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver sviluppato questo ambizioso progetto al fianco di una Regione virtuosa come l’Emilia Romagna, fortemente orientata al benessere delle persone e che ha riconosciuto nelle nuove soluzioni digitali gli strumenti necessari per progettare, prima in Italia, un nuovo standard di servizi per le persone nel prossimo futuro”, dichiara Dario Buttitta, Direttore Generale Pubblica Amministrazione e Sanità di Engineering. “Un lavoro in cui si concretizza la visione del nostro Gruppo che porta i vantaggi delle più avanzate tecnologie ai decisori della Pubblica Amministrazione locale per aumentare il valore offerto ai cittadini, e definire per i loro territori una nuova identità, quella di Augmented City, ossia città dove viene aumentato il modo di utilizzare il tempo, lo spazio e i servizi, migliorando la qualità della vita delle persone.”