Torna l’(H)Open Week sulle malattie cardiovascolari

154

In occasione della Giornata Mondiale del Cuore, che si celebra il 29 settembre, Fondazione Onda Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna e di Genere organizza dal 26 settembre al 2 ottobre l’(H)Open Week dedicata alle malattie cardiovascolari con l’obiettivo di promuovere l’informazione, la prevenzione e la diagnosi precoce delle malattie cardiovascolari, con un particolare focus su aneurisma aortico addominale, infarto cardiaco, patologie valvolari e scompenso cardiaco. L’ASST Bergamo Ovest ha organizzato e patrocinato una serie di eventi:

  • Effettuazione di ECG in telerefertazione a donne con età superiore a 40 anni nelle sedi degli Infermieri di Famiglia e di Comunità IFeC di Martinengo, Calusco d’Adda, Caravaggio e Dalmine. L’iniziativa, ad accesso diretto senza prenotazione (per un massimo di 20 ECG a sede), si svolgerà contemporaneamente nelle quattro sedi mercoledì 28 settembre 2022 dalle ore 09:30 alle 12:00. Sedi di effettuazione: Martinengo, Piazza Maggiore, 11; Calusco d’Adda, Via Locatelli, 265, angolo Via Volta; Caravaggio, Largo Donatori di Sangue, 14; Dalmine, Viale Natale Betelli, 2;
  • Convegno aperto alla cittadinanza dal titolo Giornata Mondiale del Cuore – Usa il Cuore per Ogni Cuore, organizzato dall’associazione Cuore e Vita, Giovedì 29 settembre 2022, ore 18:00, Auditorium BCC Treviglio; ingresso pedonale via Carcano; parcheggio, Via C. Battisti, 36;
  • Effettuazione, previa prenotazione rivolte a donne con età superiore a 40 anni, di Visite cardiologiche con ECG oppure ecocardiogrammi (disponibilità limitate) nei giorni 26, 27, 28 e 30 settembre 2022 negli Ambulatori Cardiologici dell’Ospedale di Treviglio-Caravaggio. La prenotazione potrà essere effettuata esclusivamente il giorno lunedì 19 settembre, dalle ore 10:00 alle 12:00, tel. 0363 424705, e-mail onda@asst-bgovest.it.

Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nel nostro Paese, essendo responsabili del 35,8% di tutti i decessi: 38,8% nelle donne e 32,5% negli uomini. Si presentano nelle donne con un ritardo di almeno 10 anni rispetto agli uomini, poiché le donne fino alla menopausa sono protette dallo “scudo” ormonale degli estrogeni. In seguito, vengono colpite addirittura più degli uomini da eventi cardiovascolari, spesso tra l’altro più gravi, anche se si manifestano con un quadro clinico meno evidente. Per entrambi i sessi, resta però cruciale il ruolo della prevenzione primaria, legata principalmente agli stili di vita, e della diagnosi precoce, in particolare in coloro che presentino fattori di rischio cardiovascolare, quali: familiarità, età avanzata, fumo, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, diabete, sedentarietà, sovrappeso, obesità, stress.

“Obiettivo di questa iniziativa è sottolineare l’importanza della prevenzione primaria e della diagnosi precoce e aiutare a sfatare l’errata convinzione che le malattie cardiovascolari riguardino soprattutto gli uomini, con la grande maggioranza delle donne che ha una percezione molto bassa dei pericoli correlati a queste patologie”, dichiara Francesca Merzagora, presidente Fondazione Onda. “Dato il grande successo e l’alto numero di richieste dell’anno scorso, abbiamo deciso di replicare, affiancando all’aneurisma aortico addominale altre problematiche cardiache molto diffuse e ancora spesso sottovalutate o non conosciute dalla popolazione e organizzando un’intera settimana di servizi gratuiti. Questo appuntamento è ancora più significativo a fronte delle problematiche nell’accessibilità ai servizi ospedalieri correlate alla diffusione di Covid-19.”

Le strutture del network dei Bollini Rosa che hanno aderito all’iniziativa offriranno gratuitamente visite specialistiche ed esami diagnostici, consulenze telefoniche, eventi e colloqui a distanza, info point e distribuzione di materiale informativo, nelle aree specialistiche di cardiologia e chirurgia vascolare. A partire dal 12 settembre tutti i servizi offerti con indicazioni su date, orari e modalità di prenotazione saranno consultabili sul sito bollinirosa.it, dove selezionando la Regione e la Provincia di interesse è possibile visualizzare l’elenco degli ospedali aderenti e dei servizi offerti.