Tiroide e fertilità, la prevenzione è possibile

387

Le malattie della tiroide sono strettamente correlate alla fertilità e possono determinare percentuali ridotte di concepimento, aborti spontanei, oltre a diversi problemi al feto e difficoltà di impianto nei trattamenti di fecondazione assistita. E proprio in questa ottica che dal 25 al 31 maggio si svolge la Settimana Mondiale della Tiroide, dedicata alla diagnosi, cura e prevenzione delle malattie tiroidee. I numeri a riguardo sono di una certa rilevanza. L’1,5% della popolazione generale femminile è affetta da ipotiroidismo; di questa, circa il 2,3% delle donne soffre di disturbi della fertilità. Tale patologia, in alcune aree geografiche, ha una prevalenza del 10% nelle donne in età riproduttiva (rivista The Obstetrician & Gynaecologist).

“Per prevenire queste patologie e le loro conseguenze, la prevenzione è di primaria importanza. Molte donne che provano ad avere un bambino ignorano il fatto che la mancata gravidanza può dipendere da un disturbo tiroideo, e questo accade perché spesso non fanno gli adeguati controlli, né a livello di tiroide, né di fertilità”, afferma la dott.ssa Daniela Galliano, direttrice del Centro IVI di Roma. “Per quanto riguarda la salute della tiroide, la prima cosa da fare è verificare la quantità di TSH nel sangue. L’alterazione di tale valore, infatti, è indice di ipotiroidismo o ipertiroidismo, patologie che possono mettere a repentaglio la fertilità.”

Monitorare i livelli di iodio significa controllare il corretto funzionamento della tiroide, in quanto costituente fondamentale degli ormoni tiroidei che svolgono un ruolo di primo piano nello sviluppo del cervello e, durante la vita adulta, nel mantenimento dell’equilibrio metabolico. “In gravidanza – conclude Galliano – il fabbisogno di iodio aumenta per soddisfare la maggior produzione di ormoni tiroidei necessari allo sviluppo del feto. Anche una lieve iodio-carenza può esporre il feto al rischio di difetti nello sviluppo neuro-cognitivo e ad una possibile condizione di ipotiroidismo fetale e neonatale che, se non diagnosticata e trattata tempestivamente, determina ritardo mentale e dell’accrescimento. Tuttavia, è bene ricordare che in Italia, grazie alla Legge n.104/1992, è attivo un programma nazionale di screening neonatale per l’ipotiroidismo congenito che consente di somministrare la terapia sostitutiva ai bambini affetti da tale carenza entro le prime settimane di vita. Inoltre, dato che l’ipotiroidismo congenito è la più frequente endocrinopatia dell’infanzia, dal 1999 è attivo un programma nazionale di sorveglianza della patologia (DPCM 9/7/1999) realizzato dal Registro Nazionale degli Ipotiroidei Congeniti presso l’Istituto Superiore di Sanità.”