Oltre 7milioni le persone in Europa con cancro alla pelle

210

L’1,71% della popolazione europea adulta ha riferito di avere il cancro della pelle, e quindi si stima che circa 7.304.000 europei siano affetti da questa malattia. È quanto si evince dai risultati di un nuovo sondaggio dell’Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia presentato al Simposio di Primavera dell’Eadv. I dati dello studio mostrano anche che il controllo dei nei o lo screening per un eventuale cancro della pelle sono stati i motivi principali per cui i pazienti hanno consultato un dermatologo negli ultimi 12 mesi, con oltre 1/5 (22,3%) degli appuntamenti con uno specialista della pelle presi per controllare un neo o una lesione. Come riporta l’Agi, i risultati del sondaggio Burden of Skin Disease (Bosd) dell’Eadv su 44.689 adulti provenienti da 27 Paesi, indicano la necessità di una “espansione dell’educazione sul cancro della pelle in tutta Europa per aiutare la popolazione a fare scelte più sicure relative alla loro salute cutanea”, secondo quanto riferito dai principali dermatologi dell’organizzazione. “[I risultati] dimostrano la necessità di agire per prevenire il cancro della pelle, che ha una buona prognosi se diagnosticato precocemente”, dichiara la coordinatrice dell’indagine, prof.ssa Marie-Aleth Richard, dell’Ospedale Universitario di La Timone, Marsiglia, membro del consiglio EADV. “Il cancro della pelle fa parte del 40% dei tumori prevenibili e la cui incidenza potremmo ridurre considerevolmente se fornissimo un’istruzione più coerente e diffusa alla popolazione.”

Lo 0,6% degli intervistati ha riportato una diagnosi di melanoma, la forma più letale di cancro della pelle. Tuttavia, i carcinomi dei cheratinociti, che includono i carcinomi a cellule basali e squamocellulari, sono di gran lunga i più diffusi tra tutti i tumori e quelli in più rapido aumento, con un’incidenza che si stima possa aumentare di oltre il 40% fino al 2040.