Sogni, realtà e superamento delle paure. Piero Barbanti

201

“Metti in moto i tuoi sogni e fa che diventino realtà”: è questo il leitmotiv della Giornata Mondiale dei sogni, celebrata ieri, 25 settembre. Per il 2020 l’esortazione è a sognare per un nuovo mondo: New Dreams for a New World. Ma qual è il significato di questi viaggi notturni che la nostra mente compie indisturbata? “Freud sosteneva che il sogno derivasse da desideri repressi o traumi rimossi. La visione attuale – spiega il prof. Piero Barbanti, docente di Neurologia presso l’Università Telematica San Raffaele e Direttore dell’Unità per la Cura e la Ricerca su Cefalee e Dolore dell’IRCCS San Raffaele di Roma – è che il sogno rappresenti piuttosto uno strumento per rivivere situazioni emozionali importanti ed ingombranti del passato allo scopo di gestirle meglio e da ciò deriverebbero i sogni ricorrenti, quasi come tentativo di ‘annacquarle’ progressivamente; per liberarsi da una situazione emotiva causa di paure alla quale – per ‘realpolitik’ – non abbiamo permesso di esprimersi nella vita quotidiana pur avendola intravista di sfuggita.”

QUINDI I SOGNI HANNO UN LEGAME FORTE CON CIÒ CHE CI ACCADE NELLA VITA REALE?

“I sogni pescano nella quotidianità. Nella prima parte della notte i sogni pescano nelle esperienze di vita recenti mentre nella seconda parte della notte si ispirano a vicende del passato. Il contenuto del sogno è affascinante ed enigmatico e ancora si discute sulla sua origine. Dal punto di vista del contenuto nel 30% dei casi si riferisce alla pura quotidianità, nel 50% alla quotidianità con qualche elemento atipico, nel 30% presenta alcuni elementi bizzarri e nel 5% manifesta molti elementi bizzarri. Tutti i sogni sono visivi, molti anche uditivi, rarissimi invece quelli gustativi, olfattivi o tattili”, spiega Barbanti. “Possiamo a volte incorporare nel sonno elementi contingenti e reali, come il suono della sveglia o uno stimolo, come quello di urinare ad esempio. Inoltre, si rileva un’influenza da parte delle variazioni dell’attività geomagnetica della terra: quando si abbassa a causa del cosiddetto vento lunare che porta un eccesso di particelle elettriche verso la terra possono aumentare i sogni bizzarri, tramite un aumento della produzione della melatonina.”

C’È CHI DICE DI NON RICORDARLI MAI, È POSSIBILE NON SOGNARE?

“Tutti sogniamo. Ricordare o meno il sogno dipende dalla fase del sonno in cui ci risvegliamo”, prosegue Barbanti. “Se ci svegliamo durante la fase del sonno REM ricorderemo il sogno. Altrimenti no. È stato stimato che un risveglio che avvenga nel sonno non REM a più di 8 minuti dalla fine dell’ultimo ciclo REM non viene ricordato. Pertanto, quelli che credono di non sognare si svegliano in realtà regolarmente nel momento sbagliato.”

I CIBI POSSONO INFLUENZARE I SOGNI?

“I carboidrati assunti di sera faciliterebbero (tramite il triptofano) sogni sereni, mentre è noto che cibi piccanti potrebbero indurre incubi.”

E I FILM?

“È interessante notare che fino al 1950 meno del 25-30% dei soggetti sognava a colori. Da allora, da quando i film al cinema sono diventati a colori, la quasi totalità dei soggetti sogna a colori, fatta eccezione per qualche paziente ultra-anziano. Eppure, si potrebbe dire, la vita è a colori da sempre e se da lì attingiamo i sogni dovrebbero essere da sempre a colori. Ma evidentemente – aggiunge – le emozioni che si concentrano nella visione di film etc. sono molto maggiori, più profonde e suggestive e creano un patrimonio anche di immagini su cui poi ricama il sogno.”

È POSSIBILE PER DUE PERSONE FARE LO STESSO SOGNO?

“Studi dimostrano che persone diverse possono fare gli stessi sogni. Il dato è singolare: accade tra amici del cuore, partner e parenti nel 15% delle persone e la condivisione dello stesso sogno avviene almeno una volta a settimana nel 21% dei casi e nel 28%, 2-3 volte al mese. Si tratta più spesso di donne, estroverse, giovani, con tratti ansiosi, creative, soggette a incubi. È espressione – conclude Barbanti – di come la sintonia di vita e di visioni si rifletta anche in una analoga ispirazione notturna.”