Giornata mondiale dell’igiene delle mani

344

In occasione della Giornata Mondiale dell’Igiene delle Mani, la Società Italiana d’Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica SitI, promuove Sfida Creativa sull’Igiene delle Mani, iniziativa rivolta agli studenti dei Corsi di Studio in Medicina e Chirurgia e delle professioni sanitarie, nonché alle Scuole di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva. Tramite il proprio Gruppo di Lavoro GISIO (Gruppo Italiano di Studio Igiene Ospedaliera), coordinato dalla prof.ssa Martina Barchitta, professore associato di Igiene Generale e Applicata, Università degli Studi di Catania, l’obiettivo della sfida è la produzione di materiale utilizzabile per la comunicazione di messaggi collegati alla Giornata Mondiale del 5 Maggio; referente scientifico il prof. Francesco Auxilia, ordinario di Igiene Generale e Applicata presso l’Università degli Studi di Milano.

L’edizione 2022 può anche essere l’occasione per produrre risorse o strumenti da utilizzare per una campagna di sensibilizzazione degli operatori sanitari affinché evitino l’utilizzo di ornamenti personali e unghie non conformi, come raccomandato dall’OMS, per una cura e assistenza di qualità a vantaggio della salute di tutti i cittadini.

Per tutti – cittadini e operatori sanitari – uno dei modi per fermare la diffusione di virus e batteri è anche uno dei più semplici: igienizzare le proprie mani seguendo le indicazioni fornite dalle istituzioni di Sanità Pubblica. In particolare, per tutti è importante farlo quando si prepara il cibo, prima di mangiare, dopo aver tossito/starnutito e dopo essersi soffiati il naso nonché, per gli operatori sanitari, quando si presta assistenza. Le malattie infettive possono infatti trasmettersi con le goccioline di saliva, ma anche attraverso le mani: perciò vanno igienizzate di frequente e in modo appropriato.

“Le ICA (Infezioni Correlate all’Assistenza) rappresentano l’evento avverso più diffuso nell’ambito dell’assistenza sanitaria”, afferma Barchitta. “Evento che, tra l’altro, non è più limitato all’ambito ospedaliero ma diffuso in tutte le situazioni in cui si presta assistenza sanitaria e che è ancora più importante in un contesto attuale reso ancora più problematico a causa dei crescenti profili di multi-resistenza agli antibiotici dei microrganismi che causano tali infezioni, nonché per l’emergenza Covid-19. Una gran parte delle ICA, inoltre, sono prevenibili tramite un’appropriata igiene delle mani, effettuata nei momenti e nei modi giusti. Gli studenti, con la sfida proposta dal Gruppo di Lavoro GISIO, sono stati invitati a lavorare singolarmente, o in gruppo, per produrre manifesti, locandine, video e progetti per la promozione negli operatori sanitari di tutte le buone pratiche legate ad una corretta adesione all’igiene delle mani da diffondere attraverso siti istituzionali o affissioni negli Atenei e nelle Aziende Ospedaliere che vorranno utilizzarle.”

All’edizione 2022 hanno aderito 10 sedi universitarie, che proclameranno i vincitori a livello locale nei prossimi mesi. Gli stessi verranno automaticamente iscritti alla competizione nazionale. Il migliore elaborato, scelto da una giuria che applicherà criteri di valutazione relativi a correttezza dei contenuti, originalità e impatto sui destinatari e potenziale utilizzabilità, sarà premiato in occasione del LV Congresso Nazionale della Società Italiana d’Igiene, che si terrà a Padova dal 28 settembre al 1° ottobre.