SAR-CoV-2: “Picco dopo 40 giorni e scomparsa dopo 70”, Isac Ben-Israel

631

“La diffusione del coronavirus SARS-CoV-2 ha un picco dopo circa 40 giorni e declina quasi fino allo 0 dopo 70 giorni”. A sostenerlo è Isaac Ben-Israel – matematico – ex generale e anche presidente del Consiglio nazionale per le ricerche e lo sviluppo di Israele, durante un’intervista rilasciata a Channel12. Queste le sue conclusioni derivanti dall’analisi dei dati di tutti i Paesi coinvolti dalla pandemia e da cui emergerebbero queste analogie sull’andamento dei contagi. “L’elevata mortalità in certi Paesi trova spiegazione nel fatto che i loro sistemi sanitari sono stati sopraffatti”, dichiara Ben-Israel, per il quale anche l’andamento della pandemia a New York andrebbe a sostegno della propria tesi: “Crescita e picco fino a circa 40 giorni e poi discesa”.

La tesi è stata duramente contrastata in diretta da Gabi Barbash, capo di un ospedale ed ex direttore generale del Ministero della Sanità, che ha denunciato l’errore del matematico spiegando che le morti sarebbero state ancora di più se Israele e altri Stati non avessero preso i passi conosciuti. Una risposta non gradita da Ben-Israel, il quale, per confermare la propria teoria, cita come esempi proprio l’Italia, Paese con le misure particolarmente rigide, Taiwan e Singapore con le restrizioni invece più morbide: “In questi Paesi si evidenzia un aumento dei casi fino alla quarta/sesta settimana e subito dopo una diminuzione, fino a quando scompare durante l’ottava settimana.”