Richiesta di vaccinazione in priorità per i soggetti diabetici (AMD, SID, SIE)

205

Il dott. Paolo Di Bartolo, il prof. Agostino Consoli, e il prof Francesco Giorgino, rispettivamente presidente AMD, presidente SID e presidente SIE, hanno scritto al Ministro della salute, al commissario emergenza covid-19, direttore generale AIFA e al comitato tecnico scientifico affinché anche le persone con diabete vengano inseriti nella lista dei cittadini da sottoporre in priorità alla profilassi vaccinale anti-SARS-CoV-2. Di seguito, il testo della lettera.

“Gentilissimi, in rappresentanza delle Società scientifiche di riferimento per lo studio e per la cura del diabete e delle malattie metaboliche in Italia – AMD (Associazione Medici Diabetologi), SID (Società Italiana di Diabetologia) e SIE (Società Italiana di Endocrinologia) – con la presente chiediamo di voler considerare le persone con diabete come cittadini da sottoporre in priorità alla vaccinazione anti-SARS-COV-2. Nell’attuale condizione di pandemia da SARS-COV-2 acquista un significato particolarmente rilevante l’evidenza ben documentata di un’aumentata suscettibilità delle persone con diabete nei confronti delle infezioni in generale, e alla maggiore severità e/o frequenza di complicanze correlate alle infezioni nelle persone con diabete. In riferimento all’infezione da nuovo Coronavirus, i dati osservazionali indicano che la malattia da COVID-19 presenta una prognosi peggiore e maggiore mortalità nelle persone con diabete. Inoltre, gli outcome peggiori sono direttamente associati allo scompenso glico-metabolico. In Italia, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, il diabete mellito è presente nel 30% dei pazienti deceduti per COVID-19, una percentuale decisamente superiore rispetto alla prevalenza della malattia diabetica nella popolazione generale: questo indica che le persone con diabete, se affette da COVID-19, rischiano di andare incontro a maggiore gravità delle manifestazioni cliniche e a una evoluzione meno favorevole. Pertanto, la protezione delle persone con diabete dall’infezione da SARS-COV-2 appare un obiettivo di prioritaria importanza, per evitare infezioni severamente sintomatiche e potenzialmente letali in questa categoria di cittadini. I benefici della profilassi vaccinale nei confronti di malattie infettive sono ampiamente documentati anche nella popolazione con diabete, con evidenza in letteratura della conservata capacità di tali individui di ottenere un’efficace risposta anticorpale, simile a quella dei soggetti normoglicemici. Per tale motivo, è consigliato, ad esempio, che le persone con diabete si sottopongano a vaccinazione antiinfluenzale annualmente. Per quanto riguarda i vaccini attualmente disponibili in Italia per il SARSCOV-2, le popolazioni reclutate nei trial randomizzati e controllati includevano anche persone con diabete sia nel gruppo di intervento, sia nel gruppo di controllo, in percentuale paragonabile a quella della popolazione generale (8% per il vaccino Pfizer, 9,5% per il vaccino Moderna). Pertanto, le associazioni scientifiche AMD, SID e SIE chiedono alle autorità sanitarie di inserire le persone con diabete tra i cittadini da sottoporre prioritariamente alla vaccinazione per SARS-COV-2, indipendentemente dall’età anagrafica, e invitano tutte le persone con diabete a sottoporsi con fiducia alla vaccinazione per SARS-COV-2, per abbattere il rischio di malattia sintomatica e potenzialmente grave da COVID-19.

dott. Paolo Di Bartolo | presidente AMD – Associazione Medici Diabetologi
prof. Agostino Consoli | presidente SID – Società Italiana di Diabetologia
prof. Francesco Giorgino | presidente SIE – Società Italiana di Endocrinologia