56.110 eventi avversi su poco più di 18milioni di vaccinazioni. Eventi lievi nel 91% dei casi

177

Secondo quanto emerge dal quarto Rapporto di Farmacovigilanza sui Vaccini Covid-19 pubblicato dall’Agenzia Italiana del Farmaco, dallo scorso 27 dicembre al 26 aprile, su un totale di 18.148.394, sono pervenute 56.110 segnalazioni di eventi avversi in seguito all’inoculazione dei 4 vaccini approvati: Moderna, Pfizer, AstraZeneca e Johnson & Johnson. Secondo lo studio, il 91% delle segnalazioni sono riferite a eventi non gravi, che si risolvono completamente, come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari.

La maggior parte delle segnalazioni sono relative al vaccino Comirnaty (75%), finora il più utilizzato nella campagna vaccinale (70,9% delle dosi somministrate), e solo in minor misura al vaccino Vaxzevria (22%) e al vaccino Moderna (3%), mentre non sono presenti, nel periodo considerato, segnalazioni relative a Covid-19 Vaccino Janssen (0,1% delle dosi somministrate). Le segnalazioni gravi corrispondono all’8,6% del totale, con un tasso 27 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate, indipendentemente dal tipo di vaccino, dalla dose (prima o seconda) e dal possibile ruolo causale della vaccinazione.