CISL Toscana: “Preoccupano i turni massacranti del personale sanitario”

489

“La CISL FP Toscana è fortemente preoccupata dalle conseguenze sul personale in servizio e regolarmente vaccinato in merito all’applicazione del provvedimento circa la sospensione del personale non vaccinato”, dichiara Mauro Giuliattini, reggente della segreteria regionale. “Infatti, ad oggi, non abbiamo un quadro chiaro dei numeri e dei profili coinvolti, ma soprattutto non sappiamo come la Regione e le Aziende intendano sostituire il personale interessato dal provvedimento, visto il blocco delle assunzioni a cui si sta assistendo in tutta la Toscana. La sospensione del personale – precisa Giuliattini – non può certo essere compensata dal personale che rimane al lavoro, già gravato dalle assenze per le mancate assunzioni.”

“Chiediamo alla Regione di procedere con assunzioni veloci dalle graduatorie in essere, sia a tempo determinato che indeterminato, così da ripristinare dotazioni organiche necessarie alla salute dei cittadini e ad assicurare condizioni di lavoro sicure e dignitose. Come CISL FP Toscana – prosegue il comunicato – è dal mese di luglio che segnaliamo criticità in tutte le Aziende sanitarie, soprattutto dopo aver verificato che i numeri dati dalla Regione, per esempio, sulle assunzioni di infermieri non corrispondevano alla realtà con circa 1.500 unità in meno. La miopia politica è grave ma più grave sarebbe la irresponsabilità. I lavoratori e i cittadini hanno diritto a risposte chiare e veloci, prima che la situazione precipiti.”