Positiva la co-somministrazione di vaccino antinfluenzale e anti-COVID-19

143

I risultati preliminari del primo studio descrittivo di co-somministrazione del vaccino quadrivalente ad alto dosaggio di Sanofi Pasteur con la terza dose di vaccino COVID-19 mRNA mostrano che la somministrazione contemporanea dei 2 vaccini è risultata sicura, ben tollerata e con una adeguata risposta anticorpale pari a ciascun vaccino somministrato singolarmente. Il vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio è indicato negli adulti dai 60anni di età in Italia. Il vaccino antinfluenzale ha dimostrato una superiore efficacia nella prevenzione della malattia influenzale confermata in laboratorio e la riduzione delle complicanze associate all’influenza, come ricoveri per eventi cardiovascolari e polmonite, per 10 stagioni consecutive, in più di 34milioni di persone. Gli incoraggianti risultati dello studio di co-somministrazione rafforzano le raccomandazioni della somministrazione contemporanea dei due vaccini anche nel nostro Paese.

“Questo studio dimostra come in un periodo storico senza precedenti come quello che stiamo vivendo, ancora segnato dall’emergenza sanitaria della pandemia e con la nuova stagione influenzale alle porte, abbiamo necessità di risposte puntuali, rapide e concrete sulla gestione ottimale ed efficace delle campagne di vaccinazione”, afferma Francesca Trippi, medical head di Sanofi Pasteur. “Questo è il primo studio che ha permesso di produrre evidenze scientifiche positive in termini di risposte anticorpali e di profilo di sicurezza, a supporto della somministrazione concomitante del vaccino antinfluenzale ad alto dosaggio con la terza dose di vaccino anti-COVID19. Questi risultati vanno nella direzione di facilitare lo svolgimento delle campagne di vaccinazione al fine di garantire una protezione ottimale per la popolazione ad alto rischio.”

“Mai come in questa stagione è ancora più essenziale aiutare a proteggere gli adulti più anziani, che sono a rischio particolarmente elevato sia per il COVID-19 che per le complicazioni dell’influenza, che possono includere attacchi cardiaci e ictus”, afferma Michael Greenberg, responsabile medico Sanofi Pasteur Nord-America. “Questo è il primo studio che fornisce prove a sostegno della vaccinazione contro l’influenza in concomitanza con un richiamo di COVID-19 mRNA negli anziani. Questi risultati positivi potrebbero facilitare l’implementazione di campagne di vaccinazione contro l’influenza e il richiamo COVID-19 nell’emisfero settentrionale, specialmente in questa fascia di popolazione ad alto rischio.”

LO STUDIO

Questo studio descrittivo è stato condotto negli Stati Uniti e ha arruolato circa 300 partecipanti che hanno ricevuto due dosi di un vaccino COVID-19 mRNA come vaccinazione primaria almeno 5 mesi prima dell’arruolamento. Lo studio valuta il profilo di sicurezza e la risposta immunitaria in seguito alla somministrazione contemporanea del della terza dose di vaccino COVID-19 mRNA (dose da 100mcg) con il vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio. L’analisi è stata promossa da Sanofi, in collaborazione con la Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA), parte dell’ufficio dell’Assistente Segretario per la Preparazione e la Risposta del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, e Moderna. I risultati completi saranno pubblicati nel corso dell’anno.