Lo Palco: Emergenza COVID-19 e rischi sanitari della “riapertura”

319

“Siamo in grado di riorganizzare e ridisegnare il nostro Sistema Sanitario in vista della ripartenza dal 4 maggio e con uno sguardo il futuro e quali le conseguenze socio-sanitarie ed economiche della pandemia?” Lo chiede l’Onorevole Beatrice Lorenzin, V Commissione Bilancio, già Ministro della Salute, durante il webinar, organizzato da Edra Nuovi Modelli per la Governance delle Cure agli esperti in collegamento. “Con la riapertura, avremo un probabile incremento di casi. È inevitabile che questo accada, ma dobbiamo farci trovare preparati”, commenta il prof. Pierluigi Lo Palco, epidemiologo. “È un elemento da tenere presente che non deve creare isterismi. Questa è una pandemia, osservata 100 anni fa, che ha fatto 100milioni di morti nel mondo. Oggi la situazione è simile, ma la differenza è che abbiamo un Sistema Sanitario che ci permette di contrastarla. Ci sono 2 elementi che convivono, nel bene e nel male: stiamo evitando milioni di morti, però, allo stesso tempo, non siamo abituati ad accettare un rischio infettivo di questo tipo.”

“Abbiamo contenuto il Covid – prosegue Lo Palco – ma dobbiamo abituarci a conviverci sapendo come agire. Abbiamo gli ospedali che potranno mettere in pratica quanto appreso ed è necessario avere a disposizione dispositivi di protezione individuale e saperli usare; sul territorio dobbiamo avere le sentinelle: i focolai ci saranno ma dovremo essere in grado di individuarli e di chiuderli. Non conosciamo la loro politica di conteggio dei casi; in ogni caso, la Germania ha avuto il tempo di prepararsi, così come alcune regioni italiane. Nelle pandemie l’elemento tempo è drammaticamente importante. Questo virus – conclude – era sconosciuto e il mondo scientifico in questo periodo ha prodotto veramente molto. Non fidiamoci di chi fa previsioni con certezza su quel che accadrà, ma basiamoci sempre sul ragionamento scientifico, che può dare delle opzioni alla politica; poi è la politica che poi prende le decisioni.”