Queste pagine sfruttano gli standard avanzati W3C, sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati W3C



Anno II - n°7 - 31.07.2003 Pagine Nazionali

Tutti i Segreti del Sesso in Gravidanza



E’ possibile fare sesso In gravidanza ? In quale trimestre è più debole il desiderio sessuale e in quale invece è più forte?
Sono interrogativi che tutti, uomini e donne si chiedono frequentemente ma spesso non riescono a dare una risposta sufficiente. Molte volte la richiesta viene avanzata al ginecologo, altre volte si ha vergogna, persino timore di farlo. In questo periodo,molte volte, non sono solo le donne, a ridurne la consuetudine, ma anche i maschi, presi dal timore che la sessualità possa nuocere alla futura madre e al feto. Queste dinamiche interferiscono quindi con una componente fondamentale, anche durante la gravidanza, della relazione di coppia, ma non sono certo le sole. La separazione della funzione riproduttiva della sessualità da quella del piacere, della comunicazione e del gioco fa sì che, in alcune coppie, dopo che si è a conoscenza della gravidanza la sessualità si interrompa per molto tempo. Vediamo brevemente cosa succede
Un calo del desiderio sessuale si verifica soprattutto durante il primo trimestre di gravidanza. Spesso si sta male, si ha la nausea, poca voglia anche di mangiare, figuriamoci se si pensa al sesso. Le mutandine vengono ispezionate più volte al giorno per escludere macchie di sangue e quindi minacce di aborto. Il secondo trimestre è invece il periodo più tranquillo e appagante anche dal punto di vista dell’affiatamento sessuale. Generalmente i disturbi funzionali sono cessati. Da parte della donna aumenta il bisogno di coccole e tenerezze, aumenta il desiderio di sentirsi al centro dell’universo e quindi di essere desiderate dal partner anche più intensamente. In questo periodo il desiderio sessuale può addirittura diventare più forte e gli orgasmi più intensi e frequenti.
Solo in rari casi la voglia di fare l’amore può anche diminuire.
Il terzo trimestre è quello più controverso: l“ostacolo” fisico del pancione può ridurre la voglia di fare sesso e questo sarebbe giustificato anche da alcune modificazioni ormonali, mentre la situazione generale sembra predisporre di più al sesso. Infatti se da un lato il desiderio cala per gli alti tassi di progesterone, ormoni che riducono il desiderio, dall’altro gli ormoni gravidici facilitano la lubrificazione e la risposta orgasmica: fattori che permettano alla donna di abbandonarsi tranquillamente al rapporto sessuale. In più, il muscolo uterino aumentato di “massa” permette di percepire meglio le contrazioni uterine sia durante sia dopo l’orgasmo. Le contrazioni, sempre di brevissima durata, sono presenti anche normalmente.
Ecco quando fare sesso in Gravidanza diventa pericoloso Il sesso in gravidanza diventa pericoloso soltanto in quelle situazioni in cui la gestazione è complicata da qualche patologia.

 I cinque punti che vietano il rapporto sessuale in gravidanza

  1. Se c’è minaccia d’aborto o di parto prematuro 
  2. Se il collo dell’utero si dilata molto tempo prima della data prevista per il parto. 
  3. Se è stata diagnosticata attraverso l’ecografia una placenta “previa”, cioè posta nella zona inferiore della cavità uterina, tanto da ricoprire parzialmente o del tutto la parete interna del collo dell’utero. 
  4. Se si è affette da ipercontrattilità uterina e, allo stesso tempo, si stanno assumendo farmaci che causano il rilassamento della parete uterina. 
  5. Se si verifica anzitempo la rottura del sacco amniotico e, di conseguenza, si comincia una cura farmacologia per favorire la sviluppo completo dei polmoni del piccolo 

www.benessere.com 

www.pharmacia.it