Genova Anno V - n°28 - 03.04.2007 Pagine Nazionali

Nausea in gravidanza? Il feto è femmina


Emanuela Mistrangelo

Le gestanti con feto di sesso femminile più facilmente manifestano un quadro di iperemesi gravidica: questo è quanto emerge dall’articolo pubblicato sul British Journal Obstetrics and gynecology da Peng Chiong Tan ed i colleghi del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia della University of Malaya di Kuala Lumpur, in Malesia.

Nausea e vomito sono sintomi tipici della gravidanza, in particolare durante il primo trimestre. Quasi tutte le donne ne soffrono infatti, in varia misura, fino alla dodicesima settimana di gestazione. Il quadro clinico è usualmente benigno e gestito ambulatorialmente con blandi trattamenti sintomatici. Talora, tuttavia, si sviluppano casi particolarmente gravi, che si protraggono a lungo e comportano il ricorso alla ospedalizzazione, alla nutrizione parenterale e, seppur di rado, alla interruzione della gravidanza, e si parla allora di “iperemesi gravidica”. L'iperemesi gravidica è diversa dal solito malessere mattutino con nausea e vomito. Molte donne affette da malessere mattutino ritengono di vomitare tutto quello che ingeriscono, ma se continuano ad aumentare di peso e non sono disidratate, non sono affette da un'iperemesi gravidica. La perdita di peso, la disidratazione e la chetosi confermano la notevole entità del vomito. I fattori psicologici hanno, nell'iperemesi gravidica, un'importanza preminente, tanto che l’iperemesi è stata a lungo considerata un disturbo psicosomatico, espressione di tratti di personalità. In realtà, alla base di tale disturbo, sembra esserci una complessa interazione di fattori biologici, psicologici e socioculturali.

Si sospetta da tempo che il sesso del nascituro possa influire sull’insorgenza e sulla severità dell’iperemesi gravidica materna. In particolare, l’appartenenza del feto al sesso femminile sembra essere in questo senso un elemento aggravante, provocando talora forme di iperemesi molto gravi. Già nel 1999, un gruppo di ricercatori svedesi, ha pubblicato su Lancet uno studio che dimostra l’associazione tra iperemesi e feto femmina. Gli autori hanno dimostrato che l’iperemesi è associata as alti livelli di Beta-hCG (l’ormone della gravidanza). Nelle gravidanza con feto di sesso femminile i livelli di Beta-hCG sono superiori rispetto ai casi di gravidanza con feto di sesso maschile.

La più recente ricerca condotta in Malesia, di tipo retrospettivo, ha analizzato 166 gestanti asiatiche, ricoverate in ospedale per iperemesi gravidica. I ricercatori malesi hanno valutato la relazione tra sesso del nascituro e livelli di markers metabolici, biochimici, ematologici e clinici correlati alla severità dell’iperemesi. L’analisi dei dati ha permesso di evidenziare che il sesso femminile del feto era associato al riscontro di elevati valori di chetonuria e di urea sierica nella madre e determinava un incremento del 60% del rischio di sviluppare una iperemesi gravidica. I ricercatori hanno anche rilevato che, allorché al momento del ricovero ospedaliero per iperemesi erano presenti nella madre sia chetonuria che alti livelli di urea, l’83% dei feti risultava di sesso femminile. Gli autori dello studio sottolineano che, benché siano necessarie ulteriori ricerche per confermare la relazione tra i due fattori, questi dati già suggeriscono fortemente una reale associazione tra sesso femminile del nascituro e severità dell’iperemesi gestazionale.

Molto discutibili sono però le conclusioni di Peng Chiong Tan e dei suoi colleghi, per lo meno dal punto di vista etico. Il ricercatore malese infatti sostiene che: “Se si riuscisse a confermare che il sesso femminile del feto è il più importante fattore responsabile dell’insorgenza di iperemesi gestazionale, si potrebbe proporre, alle donne che ne hanno sofferto in precedenti gravidanze, il ricorso alla fertlizzazione in vitro, con diagnosi genetica pre-impianto e trasferimento in utero di soli embrioni maschili, al fine di evitare la complicazione”.

 






  

 

Abbiamo già parlato di:

 

Gravidanza

Antidepressivi in gravidanza

Secondo uno studio pubblicato su Arch Pediatr Adolesc Med (2007; 161: 22-9) l'uso prenatale....

>>>continua



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati