One Health” e modelli di gestione integrata sul territorio: “Il Caso Viterbo”

123

L’Organizzazione Mondiale della Sanità propone il concetto di One Health come piattaforma di riferimento multisettoriale per la prevenzione e l’organizzazione sanitaria globale, un approccio culturale, strategico e di monitoraggio in cui uomo, animali e territorio sono componenti di un unico e interconnesso “ecosistema salubre”. Ma cosa deve accadere nel concreto affinché questo ecosistema esista e sia monitorato con puntualità? Come si devono attrezzare le comunità nazionali e i sistemi sanitari e produttivi per governare con un reale approccio di “salute globale? Su questi temi si è tenuto l’evento La Salute È un Bene Unico. One Health e Modelli di Gestione Integrata sul Territorio: il Caso Viterbo. Proprio a Viterbo è stato infatti attivato il Centro di Contrasto all’Antimicrobico-resistenza, che situa le proprie progettualità e azioni “all’interno della logica One Health connettendo in un’unica governance il benessere degli uomini, del territorio e degli animali, con il contributo di medici, veterinari, strutture territoriali della sanità, realtà produttive e della grande distribuzione”.

L’iniziativa è stata realizzata dalla Asl di Viterbo e dall’Istituto di Studi Sanitari Giuseppe Cannarella. “La resistenza agli antibiotici è uno dei più importanti problemi emergenti di sanità pubblica”, commenta l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Sin dalla loro scoperta, ormai circa 100 anni fa, gli antibiotici hanno salvato la vita a milioni di persone. Purtroppo, però l’utilizzo continuo e a volte eccessivo di antibiotici ha fatto sì che i batteri siano diventati resistenti ai farmaci che, in alcuni casi, hanno cominciato a perdere efficacia. La nascita del centro di contrasto è dunque un’ottima notizia che va nella giusta direzione.”

Il modello di Viterbo è stato illustrato da Alessandro Pastore, coordinatore del Centro di Contrasto all’Antimicrobico-resistenza, e Nicola Ferrarini, direttore Unità Operativa Sanità Animale e Igiene degli Allevamenti. “Il Centro di contrasto all’antimicrobico-resistenza della Asl di Viterbo – spiegano – costituisce una struttura di coordinamento incardinata nel Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria. Opera con lo scopo di dare impulso al raggiungimento degli obiettivi strategici individuati nel Piano Nazionale di Contrasto all’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) e nei Piani nazionale, regionale ed aziendale della prevenzione, attraverso la gestione di programmi specifici in materia di formazione/informazione di professionisti sanitari, stakeholder e cittadini; sorveglianza e monitoraggio nell’utilizzo degli antibiotici; ricerca e innovazione. Il Centro oggi opera in particolare sui Critically Important Antimicrobials (ICA), antibiotici di importanza critica per l’uomo ed individuando nuovi ambiti di ricerca o implementando i programmi già in atto con lo scopo di acquisire nuovi dati e informazioni.

Intervenuti all’evento anche il sottosegretario di Stato per le Politiche agricole, Francesco Battistoni; Mariapia Garavaglia, presidente Istituto Superiore Studi Sanitari Giuseppe Cannarella; Stefano Vella, professore di Salute Globale Università Cattolica del Sacro Cuore Roma, già direttore del centro per la salute globale presso l’Istituto Superiore di Sanità.
“Quello che abbiamo presentato oggi è un approccio strategico che risponde alle necessità dei sistemi sanitari, dei sistemi produttivi e dei cittadini tutti di poggiare il proprio bisogno di salute su una chiara programmazione basata sulla sinergia tra i mondi della salute umana, animale ed ambientale”, dichiara Daniela Donetti, direttore generale della Asl viterbese. Mariapia Garavaglia, già ministro della Salute dal 1994 al 1996, ha infine ripreso i temi della collegialità della governance nella sanità, “oggi sostenuta a livello mondiale dal tema della One Health – dichiara – ma che a livello più profondo si basa sul valore dell’unitarietà della tutela della salute del cittadino, che è un argomento che coinvolge settori diversi della politica sociale, oggi più che mai unificati proprio a seguito dell’impatto enorme della pandemia”.