“Non ci sarà un vaccino a breve, sperimentiamo anticorpi monoclonali”, Giuseppe Novelli

254

“Non ci sarà un vaccino a breve, ma vogliamo portare in Italia la sperimentazione clinica e la produzione degli anticorpi monoclonali contro Covid-19”. Lo annuncia il genetista dell’Università di Roma Tor Vergata, il prof. Giuseppe Novelli, durante il suo intervento nel webinar dal titolo Pandemia Covid-19: la Strada per una Cura. L’Impatto Scientifico, Sociale ed Economico dei Vaccini e delle Terapie, Oggi e Domani promosso da Edra e moderato dall’Onorevole Beatrice Lorenzin, già ministro della Salute. “Speriamo a breve di realizzare allo Spallanzani studi in vitro e poi la sperimentazione in 2-3 centri clinici su un gruppo di pazienti”, aggiunge Novelli.

Dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, il prof. Giuseppe Ippolito concorda sui tempi del vaccino: “Ci sono varie fasi di sperimentazione da rispettare, per questo i tempi non saranno così brevi. La scienza si fa con gli Open Data. In una pandemia i dati devono essere pubblici, non bisogna essere gelosi dei dati. Le malattie infettive vanno combattute con modelli di governo, di prepardeness”. Pensiero condiviso anche da Stefano Bertuzzi, CEO dell’American Society of Microbiology che ha portato l’esperienza USA. Pier Paolo Pandolfi, della Harvard Medical School di Boston, evidenzia che “gli Stati Uniti hanno dato 450milioni di dollari all’azienda Moderna per sviluppare il vaccino contro Covid-19”. Attualmente è in fase II di sviluppo: “Questo vuol dire che le prime dosi ovviamente andranno agli americani e forse in Italia arriveranno tre anni dopo”.

“Questi interventi sottolineano che sul fronte delle azioni contro il virus e di prevenzione ci deve essere una linea nazionale, anzi continentale”, aggiunge Beatrice Lorenzin. “Dobbiamo adeguare le nostre istituzioni sanitarie alle emergenze e alle sfide che ci sta ponendo un mondo sempre più globalizzato. Il tema degli Open Data lo portiamo avanti da anni e ci servirà per sviluppare la nostra ricerca clinica e sperimentale. Questo incontro ci dimostra come i decisori politici debbano creare da ponte tra il mondo della ricerca e il mondo della decisione. Oggi abbiamo fatto il punto su alcune questioni focali e strategiche che si spingono oltre il Covid-19 e vanno verso la necessità di riorganizzare la nostra società e le politiche della scienza, che sono sempre di più politiche della nostra vita quotidiana.”