Genova Anno V - n°30 - 01.10.2007 Pagine Liguri

 del 14/11/2007

 

Soddisfazione al Santa Corona per la giornata nazionale AIRS: report su affluenza, esami e consulenze specialistiche 


clicMedicina - redazione@clicmedicina.it

Il 18 ottobre scorso la Struttura di Chirurgia Cervico-facciale ed Otorinolaringoiatria del Santa Corona di Pietra Ligure, ha aderito alla “Giornata Nazionale A.I.R.S” per la prevenzione e per la diagnosi precoce della sordità.
Per tutto il giorno il personale medico, tecnico ed infermieristico degli ambulatori di Audiologia ed Otorinolaringoiatria ha valutato gratuitamente 30 delle 55 richieste ricevute per telefono o prenotate di persona. Le altre 25 richieste sono state soddisfatte tramite appuntamenti fissati nei giorni seguenti.


Qualche dato: il 50% dei pazienti che si sono presentati è risultato essere maggiore di 60 anni, il 30% dai 40 ai 60 anni d’età, il 20% dai 13 ai 15 anni.


«I 55 esami dell’udito – spiega il Prof. Nosengo, Direttore della Struttura di Otorinolaringoiatria del nosocomio pietrese - sono stati preceduti dall‘ispezione delle membrane timpaniche (otoscopia) per escludere la presenza di tappi ceruminosi del condotto uditivo o di malattie infiammatorie in corso e seguiti in taluni casi da consulenza specialistica ed accertamenti di approfondimento».


I pazienti ai quali è stato riscontrato un deficit uditivo sono stati 39 di cui 10 in forma lieve, 2 in forma grave e 27 in forma intermedia. La maggior parte (75%) delle ipoacusie ritrovate sono state ascritte a problemi di ereditarietà, di sofferenza vascolare a carico del microcircolo o di senescenza. A molti di questi pazienti è stata consigliata la protesi acustica tradizionale o impiantabile ed una condotta di vita utile per non far peggiorare il quadro clinico. In tre pazienti è stato possibile diagnosticare una malattia a carattere ereditario recessivo denominata Otosclerosi che si evidenzia verso i 40-50 anni con il solo deficit uditivo in genere bilaterale ed asimmetrico, questa ipoacusia, a volte accompagnata da ronzio (acufene è il suo termine scientifico) è dovuto al blocco di un ossicino della catena ossiculare, la staffa, che può essere rimossa e sostituita con un intervento di microchirurgia dell’orecchio che in genere comporta il recupero uditivo.
Un paziente è risultato affetto da otite cronica colesteatomatosa, malattia potenzialmente pericolosa perché se lasciata alla sua storia naturale porta a sordità grave, vertigine, paralisi del nervo facciale e meningite. Per tale caso è stata programmata la TC ad alta risoluzione delle orecchie (TC rocche e mastoidi) e programmato l’intervento di timpanoplastica in grado di guarire la malattia pur mantenendo in molti casi l’udito.
 

«La sordità ed i disturbi uditivi ad essa legati costituiscono un serio problema medico e sociale, ancora oggi sottovalutato, nonostante ne sia interessato oltre il 10% della popolazione -spiega il Prof. Stefano Nosengo-. Quando la sordità colpisce gravemente in età infantile provoca severe alterazioni nello sviluppo del linguaggio e conseguenti problematiche nella comunicazione e nell’assetto psicologico oltre a gravi situazioni di disagio nelle famiglie. La sordità, al pari di altre importanti malattie sociali, può essere combattuta con una migliore informazione, con l’incremento della prevenzione, della ricerca scientifica e sensibilizzando l'opinione pubblica, le Amministrazioni ed i mezzi di informazione su tutte le problematiche mediche e sociali connesse proprio a questa patologia. I miei collaboratori ed io -prosegue Nosengo- siamo molto soddisfatti dell’affluenza e dei risultati ottenuti in questa giornata di lavoro a porte aperte dedicata totalmente ai problemi dell’udito ed auspichiamo che alla stregua di altri sintomi, anche una lieve perdita di udito od un ovattamento auricolare non transitorio porti l’utente a rivolgersi al medico e a richiedere una valutazione della propria capacità uditiva».
 

 






  

 


Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati