Genova Anno VI - n°35 - 15.10.2008 Pagine Liguri

del 06/11/2008

 

Ogni 2 ore in Italia un nuovo caso di Anoressia: “Non voglio mangiare: magri fino a scomparire”


Due milioni i giovani colpiti. Secondo il recente rapporto Eurispes in Italia sono circa due milioni i giovani che soffrono di disturbi alimentari. Nella maggior parte dei casi si tratta di donne: circa il 5% delle giovani tra i 13 e i 35 anni soffre di anoressia o bulimia, ma l’incidenza sta salendo anche tra le quarantenni e tra gli uomini, facendo arrivare così alla cifra complessiva di 3 milioni il numero di persone affette da disturbi alimentari.
Gli ultimi dati disponibili dell’ex Ministero della Salute mostrano che di "alimentazione" si ammala un italiano ogni ora, soprattutto tra 12 e 25 anni, e uno ogni due ore di anoressia.

L'anoressia è uno stato morboso sintomatico causato da una malattia o da un'alterazione psichica (anoressia nervosa). Questo ultimo caso è generalmente quello al quale si fa riferimento parlando genericamente di anoressia. Il termine deriva dal tardo latino anorexia e, a sua volta, dal greco anorexìa, parola composta da an (particella di negazione) e òrexis appetito. Si manifesta inizialmente con un'attenuazione dello stimolo ad alimentarsi, poi seguono l'anoressia vera e propria (mancanza di appetito), il rapido dimagramento, osteoporosi, diminuzione di tutte le attività fisiologiche fino anche ad una carenza del sistema immunitario e, nelle donne, la perdita delle mestruazioni.

La cura dell'anoressia coinvolge necessariamente l'ambiente familiare del paziente, specie se adolescente, richiedendo un'ampia disposizione a collaborare e a mettere in discussione comportamenti e situazioni familiari, cause possibili dell'insorgere del disturbo. Esistono oggi centri specializzati per la cura dell'anoressia, ma il primo passo della terapia consiste nella presa di coscienza del problema da parte del paziente e di chi gli vive vicino. Nonostante la complessità della malattia, se affrontata da medici esperti e con la collaborazione del malato e dei suoi cari, la guarigione può essere totale fino al ritorno a una qualità di vita normale.
La risoluzione della patologia è più probabile tanto è più precoce la diagnosi di stato di anoressia e pre anoressia, quindi l’attenzione dei genitori è fondamentale.
Esistono centri per verificare i disturbi dei propri figli.

Il mondo internet è una fonte di contatti e rafforzamento della morbosità psichica del disturbo, trovando siti dove le esperienze anoressiche vengono incoraggiati e vissuti come eroici. E’ banale porre in youtube la ricerca sulla parola anoressia per rimanere scioccati da questo mondo.


Soluzione integrata
Gli integratori nutrizionali per os (attraverso bocca) possono svolgere un ruolo importante nel percorso terapeutico nel paziente con anoressia nervosa. L’utilizzo di tale metodologia va in ogni caso ritenuto accessorio nella gestione più complessa di questa patologia che implica un approccio multidisciplinare sia in ambito ospedaliero che domiciliare.
Non esistendo integrazioni specifiche per questi pazienti, più che di integratori in questo caso di dovrebbe parlare di ‘supporti nutrizionali’, che dovrebbero:
• essere compatibili con la situazione psicologica del paziente
• essere organoletticamente accettabili e miscelabili agli alimenti naturali meglio accettati dai pazienti,
• contenere una fonte proteica di alto valore biologico (proteine del siero di latte) e nutrienti favorenti il mantenimento la risposta immunitaria (glutamina e omega-3,zinco),
• garantire il bilanciamento dei nutrienti che spesso sono assunti in modo squilibrato (come ad esempio in caso di assunzione di soli frullati di frutta)
• tener conto dei fabbisogni ridotti del paziente.

L’approccio nutrizionale deve sempre essere affiancato da quello psichiatrico e medico.

E’ da queste esigenze che è nato Colorlife, integratore di ultima generazione, da luglio in test presso l’ospedale San Martino di Genova, nell’U.O. Dietetica Nutrizione Clinica diretto dal prof. Samir Sukkar .

Il prof. Sukkar, quale responsabile della Segreteria Scientifica, aprirà oggi, 6 novembre a Genova i lavori del XVIII Congresso Nazionale ADI (Associazione Italiana Dietetica e Nutrizione Clinica) “Aqua 2008”. Il Congresso nazionale ADI si propone di ampliare gli orizzonti scientifici su tutte le tematiche connesse all’acqua, volendo trovare un percorso comune di aggiornamento che, partendo dai nutrizionisti, coinvolga, oltre al mondo medico, tutti coloro i quali dell’acqua si occupano in modo diretto ed indiretto.


Caratteristiche del supporto nutrizionale Colorlife
1. Buone proprietà organolettiche e facile veicolazione con alimenti naturali
2. Copertura o integrazione del fabbisogno proteico indirizzato a pazienti con fabbisogni ridotti (sottopeso, normo-ipometabolici)
3. Rapporto proteine/siero di latte vs caseina 5/1
4. Adeguata concentrazione di acidi grassi polinsaturi per i fabbisogni dei pazienti anoressici
5. Adeguata concentrazione di Glutamina
Altre indicazioni
1. Pazienti con malnutrizione media
2. Pazienti in trattamento di rialimentazione forzata
3. Pazienti con apporti proteici insufficienti, con malnutrizione lieve (sottopeso)
Composizione
Una busta (26 grammi) contiene:
• Proteine da siero di latte ultrafiltrate
• Calcio caseinato
• Enothera olio plv
• Trigliceridi a media catena
• Lecitina di soia
• Omega-3 plv
• Olio di semi di mais microincapsulato
• Glutammina
• Maltodestrine
• Arginna
• Vitamina B1 HCL
• Vitamina B2 (riboflavina)
• Vitamina B6 (piridossina) HCI
• Vitamina B12 (cianocobalamina)
• Vitamina B5 (calcio pantotenato)
• Acido folico
• Vitamina PP (vitamina B3 – nicotinamide)
• Vitamina H (biotina)
• Vitamina D3 (colecalciferolo)
• Vitamina E
• Vitamina K1 (fitomenadione)
• Vitamina C
• Vitamina A
• Selenio
• Ferro
• Sodio
• Cloruro
• Fluoro
• Manganese
• Zinco
• Rame
• Cromo
• Molibdeno
• Magnesio
• Calcio
• Potassio
• Iodio
• Fosforo

L’ apporto proteico viene dalle proteine del siero del latte ultrafiltrate e dalla glutammina. Le proteine del siero del latte hanno un’azione immunostimolante e sono ricche di aminoacidi ramificati, utili per la sintesi proteica muscolare La glutammina, oltre all’effetto immunostimolante, ha anche un effetto trofico sull’apparato digerente ed è fonte per la produzione di glutatione.
Colorlife ha alte qualità nutrizionali per la presenza di 13 vitamine, 15 minerali e Omega-3 (frequentemente deficitari in caso di alterati comportamenti alimentari) e dà un incremento calorico graduale con i grassi insaturi (tipicamente mediterranei) e la ricchezza di MCT* presenti nella sua formulazione, adeguati alle capacità metaboliche del paziente denutrito.

*gli MCT - Trigliceridi a catena media - sono più facilmente assimilabili dal corpo umano perché non necessitano di una preventiva scissione (idrolisi) e possono essere quindi assorbiti direttamente dalla mucosa intestinale a ogni livello dell'intestino, e portati nel sangue direttamente dai vasi linfatici. Non sono necessari quindi i sali biliari per la loro digestione. Inoltre, poiché lo scopo dei grassi è quello di portare energia ai mitocondri, nel caso degli MCT questo processo avviene senza utilizzare la carnitina, risultando quindi più efficiente).

Niente sapore, tanta sostanza

Il ricorso al supporto nutrizionale Colorlife è facilitato dal fatto che la polvere è praticamente insapore, può quindi essere efficacemente aggiunta a frullati di frutta o passati di verdura senza alterarne il gusto.
In questo caso la sua composizione rispetta perfettamente la piramide della dieta Mediterranea (La dieta mediterranea è un regime alimentare basato su semplici regole qualitative. La scoperta della dieta mediterranea risale ai primi anni del dopoguerra, quando il medico americano Ancel Keys osservò che in quel periodo l'incidenza di malattie cardiovascolari in Italia era di molto inferiore a quella riscontrata negli Stati Uniti. Keys ipotizzò che la differenza dipendesse dalle diverse abitudini alimentari osservate nei due paesi. Per verificare questa ipotesi vennero condotti diversi studi: i risultati confermarono la relazione tra la dieta seguita e l'incidenza di alcune patologie. Si iniziò quindi a parlare di "dieta mediterranea" come modello alimentare ideale per la salute).

Date le sue caratteristiche, Colorlife può essere utile non solo come supporto alimentare nei pazienti anoressici, ma in tutti quei casi in cui i pazienti abbiano problemi di malnutrizione quali che ne siano le cause (malati terminali, pazienti disfagici, lungo degenti, post intervento con inibizione della normale alimentazione…).
Questa è una delle caratteristiche principali del Colorlife: il fatto di rispettare i gusti del paziente che privilegia la frutta, alimento per definizione fresco e leggero.


L'anoressia nervosa: dal ‘capriccio’ al decesso
La malattia presenta un aspetto nutrizionale e uno comportamentale. Il primo è legato al deficit alimentare che può avere effetti molto gravi sull'integrità fisica, il secondo a fattori psicologici scatenanti, come conflitti familiari, una scarsa autostima e il desiderio di emulare modelli estetici spinti agli estremi. I malati di anoressia si vedono, paradossalmente, grassi e goffi e mettono in atto strategie molto sofisticate nel tentativo continuo di combattere la fame (uso di lassativi e dimagranti, vomito provocato) nascondendo spesso il proprio stato e mentendo sulla quantità di cibo assunto. L'umore è direttamente proporzionale al peso e al suo controllo: la diminuzione di peso è motivo di soddisfazione, mentre il paziente diventa triste e ipercritico se aumenta di un solo etto. La sua autostima, i successi conseguiti in ogni campo e il valore come persona dipendono quindi esclusivamente dal suo corpo e dal controllo che riesce a imporre sullo stimolo della fame.
La malattia attraversa diverse fasi: inizialmente è possibile che le restrizioni alimentari auto-imposte dal malato siano addirittura elogiate dai familiari o da figure di riferimento, divenendo fonte di gratificazione. In una fase intermedia, la fatica di combattere lo stimolo della fame diventa meno pressante, anzi il paziente ha l'impressione di trarre maggiore energia dalla privazione del cibo, a causa di un meccanismo di conservazione della specie. Non è infrequente vedere che nei periodi di carestia gli animali innalzano il livello di attività per stimolare la ricerca frenetica del cibo. L'umore del paziente si fa molto irritabile per la paura di perdere il controllo della situazione e ritornare ad aumentare il peso. In questa fase compaiono pensieri ossessivi riguardanti il cibo e il soggetto mette in atto tutte le strategie sopra descritte per continuare nei suoi intenti autolesionistici. Nell'ultima fase della malattia il calo ponderale è notevole (la riduzione è almeno del 15-20% del peso ottimale) e la mente comincia a mostrare segni di cedimento, con il calo della concentrazione, la perdita di memoria e di capacità di giudizio critico e disturbi frequenti del sonno in aggiunta a comparsa di veri e propri comportamenti maniacali. L’incidenza mortale dell’anoressia è attualmente di un malato su 5.
 

 

 






 
 
 
 

  



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati