Le benzodiazepine aumentano il rischio di demenza

1502

Attenzione alla somministrazione di benzodiazepine, farmaci assunti essenzialmente come ansiolitici, che secondo una recente pubblicazione possono essere dannosi per il cervello degli esseri umani e in particolare degli anziani, dove aumenterebbero il rischio di demenza. Gli autori della ricerca hanno valutato i risultati di numerosi studi già pubblicati (matanalisi) per un totale di 66.000 pazienti. È stato osservato che le benzodiazepine erano associate a un aumento del 78% del rischio di demenza; i pazienti psichiatrici che assumevano benzodiazepine avevano un rischio addirittura 4 volte superiore di sviluppare anche demenza.

Gli ansiolitici sono farmaci che abbassano i livelli d’ansia; alcuni tra questi sono utilizzati in modo specifico per indurre il sonno, e in tal caso sono indicati anche col termine di ipnoinducenti, ipnoinduttori o ipnotici. Dopo i comuni anti-infiammatori, gli ansiolitici della classe delle benzodiazepine sono i farmaci in assoluto più usati al mondo. Ansia, attacchi di panico, gravi e persistenti difficoltà a prendere sonno o la presenza di un sonno disturbato da prolungati risvegli notturni hanno come conseguenza la stanchezza, l’irritabilità, la difficoltà a svolgere il proprio lavoro ed in generale provocano un peggioramento della qualità della vita. I farmaci ansiolitici più usati sono appunto le benzodiazepine (Tavor, Xanax, Rivotril, Valium, Ansiolin, En, Frontal, Lexotan, Prazene, Control, Lorans,). Lo studio è stato pubblicato su Neuroepidemiology e suggerisce che i clinici, e i medici in generale, debbano essere cauti nel prescrivere benzodiazepine, soprattutto ai pazienti psichiatrici.