Insufficienza respiratoria: la maschera Classic Star assicura una ventilazione non invasiva

1977

Nel caso di insufficienza respiratoria fino a oggi erano disponibili prodotti di ventilazione nasale e oronasale. Da poco tempo si è aggiunta a questi la maschera Classic Star, accettata più di buon grado da parte dei pazienti adulti. Secondo uno studio condotto negli ospedali tedeschi, sempre più pazienti vengono ventilati più a lungo, mentre la respirazione attraverso i sistemi di maschere è aumentata in modo significativo. Ma non tutti i pazienti possono utilizzare una maschera nasale o oronasale. Ad esempio, se il volto è stato ferito, se la struttura ossea è stata danneggiata o la cartilagine nasale e i tessuti molli sono compromessi, l’utilizzo di una maschera full-face costituisce la soluzione più efficace. Inoltre con le Classic Star è possibile adattare diversi tipi di maschere a ogni evoluzione della situazione clinica del paziente. In questo modo si possono prevenire le irritazioni cutanee spesso causate dalla permanenza della maschera sulla stessa parte del viso. L’aderenza perfetta di una maschera comporta l’accettazione da parte del paziente della terapia NIV. Il cuscinetto ad aria regolabile è progettato per aderire al naso e alla bocca senza esercitare pressione. È possibile adattare la maschera alla forma del volto del paziente aumentando o diminuendo la quantità d’aria presente nel cuscinetto. Una volta regolata, la maschera rimane ferma nella posizione stabilita. La perfetta aderenza impedisce eventuali perdite d’aria. Il cinturino, che si aggancia in cinque punti diversi del volto, mantiene la maschera sempre nella posizione ottimale. Il pulsante a pressione consente di mettere e togliere la maschera molto più facilmente.