Infezione da Covid-19. “L’immunità fornita da Omicron non protegge dalle altre varianti”, studio su Nature

155

Secondo uno studio dei ricercatori del Gladstone Institutes e dell’UC San Francisco UCSF pubblicato su Nature, l’infezione con la variante Omicron di SARS-CoV-2 fornisce poca immunità a lungo termine contro altre varianti. “Nella popolazione non vaccinata, un’infezione da Omicron potrebbe essere più o meno equivalente a ottenere un vaccino”, afferma Melanie Ott, MD, PhD, direttrice del Gladstone Institute of Virology e co-autore senior della ricerca. “Conferisce un po’ di protezione contro il COVID-19, ma non è molto ampio.”

“Questa ricerca sottolinea l’importanza di rimanere aggiornati con le vaccinazioni, anche se in precedenza si è stati infettati dalla variante Omicron, poiché probabilmente sei ancora vulnerabile alla reinfezione”, afferma Jennifer Doudna, PhD, autrice co-senior dello studio, ricercatore senior presso Gladstone, professore alla UC Berkeley, fondatore dell’Innovative Genomics Institute, ricercatore dell’Howard Hughes Medical Institute. Il gruppo di ricercatori ha scoperto che la variante di Omicron induce solo una debole risposta immunitaria. Negli individui vaccinati, questa risposta, sebbene debole, ha contribuito a rafforzare la protezione generale contro una varietà di ceppi di COVID-19. In quelli senza vaccinazione precedente, tuttavia, la risposta immunitaria non è riuscita a conferire una protezione ampia e robusta contro altri ceppi.