Incidenti e violenze: in Europa oltre 31milioni di accessi l’anno in pronto soccorso, oltre 7milioni solo in Italia

92

In Europa si verificano ogni anno 212mila decessi a causa di incidenti, con oltre 4,5milioni di ricoveri ospedalieri e 31milioni di prestazioni di Pronto Soccorso (PS) non seguite da ricovero. In media, il 57% degli accessi in PS per incidente riguarda soggetti di genere maschile, mentre bambini, adolescenti e giovani adulti rappresentano le classi di età più a rischio. Oltre 19,5milioni l’anno sono gli accessi in Pronto soccorso in Europa per incidenti domestici e del tempo libero (circa 4,4milioni in Italia); circa 3,3milioni quelli per incidenti stradali (oltre 800mila solo in Italia); più di 3milioni l’anno gli incidenti sul lavoro (circa 412mila in Italia); fanno ricorso al PS per casi di violenza oltre 1,6milioni di persone all’anno (oltre 113mila in Italia).

Questi alcuni dati dell’Injuries in the European Union 2009-2018, report pubblicato da EuroSafe in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e basato sui dati del sistema europeo di sorveglianza epidemiologica degli incidenti European Injury DataBase, ospitato presso l’Istituto Superiore di Sanità. “L’Injury DataBase europeo è una fonte di dati unica che contiene dati standardizzati sulle cause esterne delle lesioni trattate nei Dipartimenti di Emergenza degli ospedali e che consente di confrontare realtà differenti nei diversi Paesi”, afferma Marco Giustini, epidemiologo dell’ISS e responsabile del database. “I dati mettono in evidenza forti differenze tra Paesi. I tassi di incidenza di accesso alle cure di PS variano da 38,91 casi per 1.000 abitanti della Finlandia a 126,96 casi per 1.000 abitanti dell’Italia, il che porta a stimare solo per il nostro Paese un totale di oltre 7,5milioni di prestazioni di PS dovute alle lesioni da incidente. Ci sono varie ragioni per queste differenze, che certamente non sono solo dovute alla diversa morbilità delle lesioni. Un fattore importante è l’organizzazione dei sistemi sanitari nazionali, che comporta un minore ricorso al PS laddove un maggior numero di pazienti viene trattato nelle strutture sanitarie ambulatoriali come accade, ad esempio in Finlandia e nei Paesi Bassi. Al netto di ciò – conclude – l’Italia si conferma un Paese particolarmente colpito dagli incidenti con un conseguente massiccio ricorso alle cure in Pronto Soccorso.”