Al via #Here For You, campagna itinerante di informazione e prevenzione dell’aneurisma dell’aorta

310

Parte #Here for You, l’unità mobile di Medtronic che sensibilizzerà medici e cittadini sui nuovi trattamenti per l’aneurisma dell’aorta addominale. Dal 21 giugno al 1° luglio 2022, il truck raggiungerà 9 ospedali di 6 città italiane (Roma, Napoli, Bari, Bologna, Padova e Milano) per offrire materiali informativi sulla patologia, che in Italia colpisce 84mila persone con circa 25mila nuovi casi diagnosticati e 6mila decessi ogni anno. L’inaugurazione si è tenuta a Roma, presso l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini. L’iniziativa europea, partita lo scorso 19 aprile in Olanda, è arrivata in Italia dopo essere stata in Belgio, Regno Unito, Spagna e Portogallo, e proseguirà poi in Svizzera e Germania.

Lo screening e la prevenzione assumono un ruolo fondamentale nell’identificazione di questa patologia. In alcuni ospedali previsti nel tour italiano dell’unità mobile Medtronic – quali l’Azienda Ospedaliera Università di Padova e il Policlinico Sant’Orsola – oltre che ricevere il materiale informativo presente in tutte le tappe sarà inoltre possibile sottoporsi a uno screening gratuito. “Un’iniziativa europea dalla duplice finalità”, dichiara Michele Perrino, presidente e amministratore delegato di Medtronic Italia. “Da un lato quella di supportare la comunità scientifica e gli specializzandi con un’attività di formazione sul trattamento di questa patologia e sull’importanza dell’innovazione tecnologica a beneficio dell’esito clinico; dall’altro, quella di sensibilizzare l’opinione pubblica e i pazienti sull’importanza della diagnosi precoce per contrastare una patologia silente, come l’aneurisma aortico addominale, che si associa a un elevato rischio di mortalità, a conferma della nostra ‘missione’ di alleviare il dolore, ridare la salute e prolungare la vita dei nostri pazienti.”

“Un aneurisma è una dilatazione permanente dell’aorta, principale arteria del corpo incaricato di portare il sangue arterioso a tutti gli altri organi e tessuti, la cui rottura può generare una gravissima emorragia”, spiega il prof. Nicola Mangialardi, primario dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare, Ospedale Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini. “Oltre i 3/4 degli aneurismi aortici interessano la porzione addominale dell’aorta. È più frequente di quanto si creda con un’incidenza tripla negli uomini e una correlazione diretta con l’età: più questa aumenta, più aumenta il rischio. Negli ultimi anni la ricerca e le conquiste tecnologiche hanno migliorato di gran lunga la sopravvivenza di questi pazienti: siamo entrati nell’era delle tecniche endovascolari. I simulatori sono l’ultima conquista in questo campo. Permettono il training dei giovani chirurghi ed un accurato studio preoperatorio che consente la minimizzazione dei rischi anticipando le possibili complicanze.”

Il 22 giugno l’unità mobile arriverà quindi nei pressi del Policlinico Gemelli e ospiterà un innovativo corso di simulazione per il trattamento endovascolare dell’aneurisma dell’aorta addominale dedicato a medici in formazione specialistica. La giornata sarà organizzata dal prof. Yamume Tshomba, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Vascolare presso la Fondazione Policlinico Gemelli IRCCS e direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare, Università Cattolica del Sacro Cuore, affiancato dal dott. Tommaso Donati e dal prof. Giovanni Tinelli. “La formazione medica specialistica costituisca oggi una sfida sempre più importante e per molti versi complessa”, commenta Tshomba. “L’evoluzione delle tecniche e delle tecnologie, che non hanno rimpiazzato bensì affiancato le tecniche tradizionali, ha moltiplicato gli ambiti in cui si rende necessario garantire un livello estremamente elevato di competenza. Sicuramente l’utilizzo di simulatori e di piattaforme dedicate high-tech spesso rese possibile da virtuose collaborazioni con le industrie biomediche, permettono di trasmettere in modo efficace, con esperienze immersive, delle conoscenze che talvolta sul campo richiederebbero tempi estremamente più lunghi.”

“Iniziative di questo tipo siano sempre importanti per sensibilizzare gli operatori sanitari e la popolazione su specifiche problematiche di salute”, afferma Donati, dirigente medico presso dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Vascolare della Fondazione. “Sono 5 i fattori di rischio per l’aneurisma aortico addominale: l’essere un maschio di età superiore ai 65 anni; il fumo, l’ipertensione, l’aterosclerosi e la presenza in altri membri della famiglia di questa patologia. Questi fattori di rischio dovrebbero indurre ad effettuare un controllo preventivo, perché la condizione è assolutamente asintomatica e la diagnosi precoce è essenziale per prevenirne gli esisti infausti. La maggior parte degli aneurismi dell’aorta addominale può essere rilevata attraverso un’ecografia dell’addome, simile a quella che si effettua per monitorare il progresso delle gravidanze.”

L’unità mobile proseguirà il proprio percorso il 23 giugno, raggiungendo la nuova sede della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma, dove avrà luogo un evento formativo – dedicato ai Medici in Formazione Specialistica di Chirurgia Vascolare – sul trattamento endovascolare dell’aneurisma dell’aorta toracica e dell’aorta addominale, coordinato dal prof. Maurizio Taurino, ordinario di Chirurgia Vascolare, direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Molecolare, Facoltà di Medicina e Psicologia, Università La Sapienza di Roma. “L’aneurisma dell’aorta, sia nella porzione toracica sia in quella addominale, costituisce una patologia estremamente pericolosa, perché asintomatica, ma caratterizzata dalla tendenza ad evolvere verso complicanze, che quando si manifestano costituiscono un evento gravissimo che, non di rado porta il paziente all’exitus”, spiega Taurino. “Per tale motivo, sono indispensabili una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo, in grado di interrompere la storia naturale della malattia. La terapia chirurgica – l’unica possibile, attualmente – si basa in una larga percentuale di casi sulla esclusione endovascolare dell’aneurisma. Tale tecnica, ormai correntemente in uso nella pratica clinica da circa 20 anni, può essere realizzata con bassa invasività anche in pazienti particolarmente fragili, attraverso l’utilizzo di tecnologie molto avanzate sia nell’imaging pre e intra-operatorio sia per la disponibilità di endoprotesi sempre più perfezionate. La giornata si inserisce in un quadro di sinergie con l’industria che mette a disposizione della formazione, svolta nell’università, i propri specialisti che affiancano i docenti, a beneficio degli specializzandi che apprendono alcune tecniche di trattamento con l’uso dei simulatori, metodo questo destinato ad un ruolo crescente in una didattica sempre più avanzata.”

“Il progresso delle tecniche e delle tecnologie ha aumentato le possibilità di cura calibrandole sulla condizione del singolo paziente”, dichiara il prof. Francesco Speziale, presidente Società Italiana Chirurgia Vascolare ed Endovascolare, Sicve. “A questo avanzamento delle conoscenze mediche deve corrispondere l’empowerment dei pazienti attraverso l’informazione e la sensibilizzazione. La tutela della propria salute si concretizza in stili di vita sani e controlli regolari. L’aneurisma è asintomatico e il tempo utile d’intervento nel caso di una rottura è breve. La migliore possibilità di cura sta nella prevenzione dell’emergenza attraverso la diagnosi precoce che, sola, permette d’intervenire in tempo.”