Giani: “Spese Covid pagate da Regioni. Governo dia fondi, o dobbiamo ridurre strutture”

357

“La preoccupazione che ho per il futuro è che noi abbiamo messo in campo un’organizzazione complessa contro la pandemia e in questo momento non ho la sicurezza che la copertura delle spese di tutto questo sforzo, che è dell’anno 2021, possa arrivare”. Lo dichiara il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, intervenendo al Forum Sistema Salute, organizzato a Firenze da Koncept. “Le spese dell’emergenza sono state coperte dalle Regioni; noi ancora non abbiamo un atto con cui lo Stato copra queste spese nei bilanci regionali. Ho grande fiducia, perché ho sentito grande attenzione da parte del governo verso il contrasto alla pandemia, però siamo a fine ottobre; questi sono atti che devono andare in porto. Sarei contrario a smantellare questa macchina, però se poi devo ragionare sui conti, e devo fare 2 più 2, poi sicuramente devo limitare.”

“Le Regioni devono costruire un sistema a fisarmonica, per non avere troppe aree ospedaliere ingolfate o zone scoperte”, afferma Nino Cartabellotta, presidente Fondazione Gimbe. “Dobbiamo anche essere consapevoli che per qualche anno dovranno essere previsti, in una programmazione di 2-3 anni, degli spazi dove la vaccinazione continua”, prosegue Giani. “Sul PNRR il Ministero della Salute è stato quello che ha dato maggiore chiarezza, ma le risorse devono essere usate non solo per costruire nuove strutture: servono risorse sul Fondo Sanitario Nazionale per garantire le cure.”