Fumo aumenta del 20% le morti nei soggetti con tumore della prostata

201

Uno studio dell’Università di Lund, Svezia, ha analizzato la correlazione tra fumo e rischio di malattie e morte nel cancro alla prostata. Una possibile spiegazione per i fumatori che hanno un minor rischio di cancro alla prostata sembrerebbe essere legata a una minore probabilità di avere un test del PSA asintomatico. I ricercatori – partiti dai dati di 5 studi sulla popolazione svedese con informazioni autodichiarate sulle abitudini di fumo degli uomini – hanno notato che durante il periodo di tempo in cui un test PSA era disponibile come parte del consueto screening sanitario nell’assistenza sanitaria, i fumatori generalmente avevano un rischio inferiore di sviluppare il cancro alla prostata. Questo vale solo per il cancro alla prostata localizzato, la forma più frequentemente rilevata in un test del PSA asintomatico. “D’altra parte, i fumatori hanno un rischio maggiore di morire di cancro alla prostata, che è qualcosa che abbiamo osservato a prescindere dallo stadio del tumore al momento della diagnosi, dunque in tutte le forme di cancro alla prostata, da quelle a basso rischio fino a quelle metastatiche”, spiega Sylvia Jochems, PhD, prima autrice dello studio. Il rischio era del 20% maggiore nei fumatori rispetto agli uomini che non avevano mai fumato, e aumentava ulteriormente per i fumatori in sovrappeso (indice di massa corporeo, BMI 25-30) o obesi (BMI superiore a 30).