Preoccupazione per la variante Lambda

356

Originatasi in Perù, desta ora timori negli Stati Uniti e allarma gli esperti. Si tratta della variante Lamba del coronavirus, diffusa in Sud America prima e riscontrata da circa 1 mese anche negli Stati Uniti. Il primo caso era stato rilevato in Texas, e solo da quel paziente si sarebbero originati oltre mille contagi. “Finora, sembra che la variante Lambda sia più trasmissibile del virus SARS-CoV-2 originale e presenta mutazioni preoccupanti; è difficile sapere con certezza quanto sia trasmissibile e quanto proteggano da essa i vaccini”, dichiara Preeti Malani, direttore sanitario del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Università del Michigan. “Quando l’abbiamo trovata, non ha attirato molta attenzione”, spiega il dott. Pablo Tsukayama, microbiologo molecolare dell’Università Cayetano Heredia di Lima in un’intervista rilasciata ad Al Jazeera e riportata da Il Messaggero. “Ma a marzo, era nel 50% dei campioni a Lima. Ad aprile, era nell’80% dei campioni in Perù. Quel salto dall’1% al 50% è un indicatore precoce di una variante più trasmissibile.”