Covid-19: più di 5mila bambini non nati per ritardi trattamenti Pma

119

In un Paese in cui la natalità è tra le più basse al mondo, la pandemia ha inferto un duro colpo ulteriore: il ritardo o il mancato ricorso delle coppie ai percorsi di riproduzione medicalmente assistita ha ridotto ulteriormente le nascite, già a livelli minimi da decenni, di un ulteriore 5mila bambini l’anno, cifra che si somma al cronico calo delle nascite (-30% in 12 anni, Rapporto ISTAT) da coppie fertili. In più, gli ostacoli alla gestione delle nuove diagnosi di infertilità e di numerose patologie, come l’endometriosi, avranno conseguenze sulla salute riproduttiva nel medio e lungo periodo. Una sorta di “allarme fertilità” come effetto collaterale della pandemia quello lanciato dagli esperti della Società Italiana di Riproduzione Umana (SIRU), riuniti dal 13 al 16 ottobre a Napoli per il IV Congresso Nazionale. Una 4 giorni di confronto tra ginecologi, andrologi, biologi, embriologi, psicologi, ostetrici e altri operatori dedicati interamente alle nuove Linee Guida in PMA. La proposta di nuove Linee Guida è stata redatta dalla SIRU con rigoroso metodo scientifico e adattando le NICE inglesi alla realtà italiana, con la collaborazione della Fondazione GIMBE, ed è in attesa di valutazione dal Ministero della Salute. “In Italia non abbiamo mai avuto Linee guida cliniche”, spiega Antonino Guglielmino, ginecologo e presidente della SIRU. “Ciò ha influito sulla individuazione delle buone pratiche legate alle evidenze scientifiche.”

In un Paese in cui 1 persona su 6 ha problemi ad avere figli, ovvero con circa il 15% delle coppie infertili, con dati in costante aumento, la PMA garantisce oltre il 3% di nascite ogni anno. “Se per contrastare il Covid abbiamo cercato armi nuove, contro l’infertilità abbiamo già le nostre armi: approvazione delle Linee Guida cliniche e applicazione concreta dei Livelli Essenziali di Assistenza, rimettiamo la fertilità al centro dell’agenda politica”, dichiara Luigi Montano, presidente area Andrologica Siru. “Accelerare il processo di approvazione della Linee Guida cliniche sulla Pma – conclude Paola Viganò, presidente dell’area Biologica – consentirà di ridurre i tempi di presa in carico di coppie infertili, di individuare eventuali patologie che ostacolano la fertilità e di garantire sicurezza e appropriatezza delle cure in maniera omogenea da Nord a Sud. Con le nuove Linee Guida per la Pma sarà possibile finalmente delineare anche i percorsi diagnostici terapeutici omogenei per ridurre i tempi di diagnosi e di cura della infertilità.”