Coronavirus e pazienti oncologici

486

Il contagio da nuovo coronavirus Covid-19 in Italia rappresenta un’emergenza sanitaria che desta preoccupazione nella popolazione generale, ma che rappresenta un problema importante e concreto soprattutto per le persone “fragili”, come gli anziani, i pazienti con malattie croniche, affetti da più patologie e le persone immunocompromesse, categorie più esposte alle complicanze dell’infezione da Covid-19. Tra queste, i pazienti colpiti da patologie oncologiche e onco-ematologiche. Nella peculiare situazione sanitaria che si è venuta a creare nelle ultime settimane, i pazienti con tumore si sono trovati a fare i conti non più solo con la paura della loro malattia, ma anche con la paura del contagio da coronavirus; sono soli e spaventati, ed è compito delle Istituzioni nazionali rassicurarli e indirizzarli, in un momento così difficile e delicato per la salute di tutta la popolazione. Alla luce di questo, le associazioni di pazienti hanno scritto una lettera aperta al Ministro della Salute Roberto Speranza per richiedere la sua attenzione sulla delicata questione della gestione dei pazienti oncologici e onco-ematologici, presso le strutture sanitarie nazionali, in relazione agli avvenimenti che riguardano la diffusione del coronavirus in Italia. “Nel nostro Paese secondo gli ultimi dati diffusi dall’AIOM esistono circa 3milioni e 400mila pazienti affetti da diverse forme tumorali e per tale ragione maggiormente vulnerabili”, riporta il testo della lettera delle Associazioni al Ministro Speranza. “Riteniamo urgente e quanto mai necessario che il Ministero, attraverso l’interlocuzione con gli esperti e con le Associazioni Pazienti, si faccia parte attiva per tracciare linee guida utili ai pazienti oncologici e onco-ematologici e agli operatori delle strutture sanitarie per fronteggiare questa emergenza.”