Come funziona il vaccino cinese per Covid-19

155

Depositato il brevetto del vaccino cinese di CanSino sviluppato da un gruppo di ricercatori guidati da Chen Wei, dell’Istituto di medicina militare. La stessa CanSino aveva in precedenza già dichiarato di aver ricevuto il via libera al vaccino della Commissione centrale militare, guidata dal presidente Xi Jinping nel ruolo di Commander-in-chief. Il prodotto era stato destinato esclusivamente ai soldati per la prima somministrazione su larga scala a partire dal 25 giugno e per 1 anno, non prorogabile senza nuova approvazione specifica.

Il vaccino ha concluso velocemente le fasi 1 e 2 di sperimentazione, grazie alla collaborazione avviata sin dalle primissime fasi con la compagnia di biotech con l’Accademia militare di scienze mediche. I risultati sono stati pubblicati recentemente sulla rivista medica The Lancet, mentre una sperimentazione di fase 3 – quella conclusiva – è in corso sia in Cina che in Canada, Russia, Brasile, Cile e Arabia Saudita.

IL MECCANISMO D’AZIONE

Per il vaccino di CanSino è stato utilizzato il metodo del vettore virale, conosciuto anche come “cavallo di Troia”. Nella pratica si utilizza un adenovirus che in laboratorio viene reso inoffensivo e dotato di un frammento di DNA aggiunto. Questo virus non è più in grado di causare il raffreddore ma quando iniettato inizia a infettare le nostre cellule innescando la produzione della proteina spike di Sars-CoV-2, ovvero la punta caratteristica della corona del nuovo coronavirus. Innocua per il nostro organismo, questa sarebbe tuttavia in grado di stimolare la riposta del sistema immunitario, che diverrebbe così capace di riconoscere e contrastare efficacemente il virus in caso di contatti successivi.