Caos vaccini. I consigli di Draghi

183

La campagna di vaccinazione anti-Covid rischia di subire una nuova battuta d’arresto, in parte per le rimodulazioni imposte dalla decisione del Cts di riservare AstraZeneca alle persone al di sopra dei 60anni e in parte per la somministrazione eterologa. Diversi infatti i casi di defezione registrati tra coloro che avendo già ricevuto la prima dose con AstraZeneca rifiutano il richiamo con il vaccino Pfizer-BioNTech. Proprio a questi cittadini si è rivolto in mattinata direttamente Mario Draghi: “Vaccinarsi è fondamentale. La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi affatto o fare una dose sola”, sottolinea il Presidente del Consiglio. “Chi non vuole fare la vaccinazione eterologa è libero di fare il richiamo con AstraZeneca, purché abbia un parere del medico e un consenso informato.”