BCL11B-a, una nuova forma di leucemia acuta

176

Si chiama BCL11B-a, una nuova forma di leucemia acuta, il cui nome indica l’attivazione del gene omonimo. A identificare questa nuova malattia leucemica è stata la prof.ssa Cristina Mecucci, ordinario di Malattie del Sangue del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia, grazie a un progetto di ricerca sviluppato presso i laboratori del Centro di Ricerca Emato-oncologico Creo: “Sono particolarmente orgogliosa per questo successo per il quale è stata molto importante la passione e la competenza di Danika Di Giacomo, una giovane ricercatrice della nostra Università” dichiara. “L’individuazione di questa nuova malattia leucemica – si legge in una nota dell’Ateneo – è stata resa possibile grazie all’impiego integrato di numerose tecnologie di indagine del genoma che la stessa Mecucci ha introdotto presso l’Ematologia dell’Università degli Studi di Perugia, nell’ottica di una costante innovazione nei laboratori Creo, con l’obiettivo di garantire una diagnosi precisa ai pazienti affetti da malattie ematologiche, incluse le forme più rare. Anche per la diagnosi di questa nuova leucemia è stato creato un test diagnostico validato sulla base di casi studio provenienti da molti centri Italiani e Europei.” I risultati sono pubblicati su Blood.