Quando l’attrazione sessuale per le persone anziane diventa ossessione. La gerontofilia.

7399

Domanda

Negli incontri tra amici spesso discutiamo di problemi e di relazioni tra coetanei ma più spesso di come possano essere le relazioni tra due persone con una differenza di età. In pratica cosa potrà mai provare un 18-25enneo una 18-25enne per uno o una 55-60 enne, e viceversa. E mi accorgo che per alcuni amici o amiche sarebbero pronte, almeno a parole a questa esperienza. Alcune dicono addirittura che sono affasciate da persone più grandi di loro. Potrei saperne di più?

Mery Roma
Risposta

Anna Carderi

A dispetto di un’idea preformata di una sessualità che vede nei giovani e in corpi nel pieno della forma fisica gli unici aventi diritto alla sessualità, c’è tutto un mondo di persone che vedono la beltà proprio nel corpo segnato dal tempo. E a dispetto della chirurgia e farmacologia estetica vedono le rughe o i capelli screziati di bianco come qualcosa che rende attraente e sessualmente appetibile la persona nonostante l’età avanzata.
Quindi non stupiamoci se donne e uomini, più che maturi, anziani, diventino il possibile oggetto di attenzioni sessuali da parte di una persona molto più giovane di loro. Ciò che invece deve destare il ragionevole dubbio è quando tale forma di attrazione assume le caratteristiche di esclusività e il desiderio si trasforma in una vera e propria ossessione fino a sfociare in atti di coercizione. In questo caso siamo di fronte ad un fenomeno complesso quanto poco conosciuto come la gerontofilia. I gerontofili, donne o uomini che siano, sono persone giovani che provano un’attrazione sessuale di tipo patologico per le persone anziane. Sono esclusivamente loro l’oggetto dell’eccitazione sessuale. I pensieri, i comportamenti, i desideri e le fantasie sessuali sono esclusivamente incentrati sulla persona anziana. Tanto da optare per lavori che li mettono a stretto contatto con gli anziani (case di cura, restauratore, ecc). Tanto da dedicare a loro un tempo eccessivo che spesso comporta una compromissione dell’area sociale, relazionale e lavorativa. Un interesse sessuale che diventa insostituibile causando un disagio clinicamente significativo. Egli infatti si trova costantemente in conflitto tra il desiderio di dare sfogo all’impulso sessuale e il rammarico di doverlo reprimere. Tale conflitto può sfociare in depressione.