Artrite reumatoide e obesità, un binomio spesso differente per uomini e donne

1259

L’incidenza dell’obesità nell’uomo e nella donna è differente, nel senso che gli uomini diventano più magri, le donne più grasse. Non è ancora stato esattamente compreso perché gli uomini sottopeso con artrite reumatoide abbiano i maggiori livelli di marcatori infiammatori. È possibile che lo stato infiammatorio grave porti alla perdita di peso, ma non è ancora chiaro perché la stessa tendenza non si verifichi nelle donne; gli studi futuri dovranno proprio investigare se l’infiammazione influenzi in modo diverso la composizione corporea a seconda del sesso, valutando quindi anche il potenziale coinvolgimento di fattori ormonali.

L’obesità e una maggiore quantità di massa grassa nelle donne con artrite reumatoide sembrano invece essere associate a un incremento dei livelli di marcatori infiammatori. Secondo Michael George dell’Università della Pennsylvania, autore di uno studio su più di 2.100 pazienti, i medici dovrebbero riconoscere che la PCR e la velocità di eritrosedimentazione (VES) sono influenzate dall’obesità nei pazienti con o senza artrite reumatoide, in particolare nelle donne. Questi due parametri vengono comunemente impiegati nella diagnosi e gestione dell’artrite reumatoide stessa, e nella popolazione generale elevati livelli di PCR sono stati associati a un incremento di BMI e adiposità, soprattutto nel sesso femminile, associazione recentemente condivisa anche dalla VES. L’incremento dei marcatori infiammatori appare direttamente correlato all’obesità, e interamente indipendente dall’artrite reumatoide. In una paziente obesa con dolori articolari di natura non infiammatoria, un incremento della PCR potrebbe derivare semplicemente dall’obesità. Mentre in un paziente obeso con artrite reumatoide che reagisce bene alla terapia, una PCR persistentemente elevata potrebbe essere spiegata dall’obesità e probabilmente non sarebbe necessario incrementare la terapia. Lo studio è stato pubblicato su Arthritis Care Res online 2017.