1.127 nuovi positivi, 578 decessi, 962 guariti. Oltre a Lombardia e Piemonte, preoccupa un possibile focolaio a Torano Castello (CS). Accertamenti in corso

492

Continuano a preoccupare i dati provenienti da Lombardia e Piemonte; il numero delle vittime in Italia rimane piuttosto stabile ma alto, con 578 decessi nelle ultime 24 ore. “Forse qualcosa abbiamo stagliato? Forse sì”, come sostiene la virologa Ilaria Capua che nel corso di un’intervista al programma diMartedì, condotto da Giovanni Floris su La7, ipotizza che la metodologia con cui si sta combattendo il coronavirus in Italia e nel mondo non sia quella giusta: “Il virus lo si sta inseguendo – spiega Capua – e non è la strada giusta da percorrere. Bisogna capire dove sono questi sciami virali e come siamo messi con l’immunità di gregge e fotografare la vera situazione”. Solo dopo lo si potrà combattere meglio.

Ma un altro allarme arriva da Torano Castello, in provincia di Cosenza, e più precisamente da una RSA. A oggi sono stati dati per positivi ben 67 soggetti tra medici, degenti e operatori sanitari. Le autorità hanno dichiarato il comune di Torano Castello “Zona Rossa”, ma solo qualche ora fa sono emersi dubbi sulla procedura con cui sono stati prelevati i tamponi, in quanto l’operatore incaricato li avrebbe eseguiti senza mai sostituire i guanti. A questo punto, i tamponi sono stati rifatti e i risultati si dovrebbero conoscere tra la sera di oggi e la mattina di domani.

Eco quindi i numeri forniti durante la conferenza stampa della Protezione Civile:

  • 165.155 casi totali dall’inizio della pandemia;
  • 105.418 persone attualmente positive;
  • 21.645 deceduti;
  • 38.092 guariti.

VARIAZIONI RISPETTO AL PRECEDENTE BOLLETTINO

  • +2.667 nuovi casi positivi;
  • +578 deceduti;
  • +962 guariti.

Tra i 105.418 attualmente positivi (+ 1.127):

  • 74.696 si trovano in isolamento domiciliare (+ 1.602);
  • 27.643 ricoverati con sintomi (-368);
  • 3.079 in terapia intensiva (-107).

LA SITUAZIONE IN TEMPO REALE | MAPPA COVID-19 ITALIA

Bollettino Ministero della Salute | 15 aprile ore 17:00