10 consigli utili per vivere meglio la psoriasi

495

La psoriasi è una malattia immunitaria cronica che colpisce la pelle. Essa si verifica quando il sistema immunitario invia segnali difettosi che accelerano il ciclo di crescita delle cellule. La psoriasi colpisce circa 125milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa il 20% soffre di psoriasi a placche moderata-grave. La psoriasi può localizzarsi in qualsiasi parte del corpo ed è associata ad altre condizioni di salute gravi, come il diabete, le malattie cardiache e alcuni tumori. La forma più comune di psoriasi, la psoriasi a placche, è caratterizzata da chiazze rosse, ispessite, coperte da un accumulo bianco argenteo di cellule morte della pelle. Ecco i 10 consigli di liberalapelle.it per vivere meglio questa condizione:

1. Mangiare sano ed evitare cibi troppo elaborati e ricchi di grassi: un’alimentazione bilanciata può aiutare a tenere sotto controllo alcuni sintomi;

2. Praticare regolarmente attività fisica e tenere sotto controllo il peso. Essere in forma aiuta a migliorare i sintomi e rende la psoriasi più facile da trattare;

3. Evitare il fumo e gli alcolici: è importante rivolgersi al medico per chiedere un consiglio su come gestire queste abitudini;

4. Ridurre lo stress. Anche questo può essere un fattore che può contribuire ad aumentare i sintomi;

5. A differenza di quello che si pensa, è bene esporsi al sole con moderazione, utilizzando i giusti accorgimenti per proteggere la pelle;

6. Utilizzare abiti comodi e leggeri di materiale naturale che lascino respirare la pelle e non facciano sudare;

7. Tenere la pelle idratata con prodotti specifici per il proprio tipo di pelle/la psoriasi;

8. Riposare bene e il giusto numero di ore: dormire favorisce infatti, il rinnovamento cellulare, migliora la qualità della pelle e il tono dell’umore. Inoltre, contribuisce a mantenere efficiente il sistema immunitario e quello endocrino e tonifica il sistema nervoso;

9. Evitare di toccarsi o grattare le zone colpite per non peggiorare la situazione;

10. Rivolgersi a personale sanitario qualificato e seguire rigorosamente i trattamenti: il medico curante può fare una prima valutazione e indirizzare da un dermatologo che formulerà la diagnosi e proporrà le cure più appropriate. È fondamentale attenersi rigorosamente alle prescrizioni mediche.