Valeant, il “Viagra Rosa” delude anche nelle vendite

930

Pochi benefici per la libido, alto rischio di effetti collaterali come sonnolenza, vertigini, stanchezza e nausea. Sono questi che fino a oggi hanno contraddistinto l’azione del Valeant, soprannominato “Viagra rosa”, almeno quelli riportati sulla rivista scientifica Jama Internal Medicine.

A circa sei mesi dall’approvazione della Food and Drug Administration ad agosto, che aveva fatto seguito ad anni di richieste e bocciature, un nuovo studio descrive sostanzialmente il ‘flop’ della molecola per la sessualità della donna.

Per arrivare a queste conclusioni gli autori hanno valutato 5914 donne, coinvolte in otto ricerche (cinque già pubblicate tra il 2011 e il 2014), arrivando a conclusioni differenti rispetto agli studi di registrazione. Infatti i risultati sono risultati meno favorevoli riguardo all’efficacia mentre a questi si aggiungerebbero importanti effetti collaterali (quattro volte più alto rispetto a un placebo il rischio di vertigini, come quasi quattro volte in più quello di sonnolenza, oltre due volte quello di nausea). Ma l’azienda produttrice del farmaco, Valeant, non ci sta e prova a minimizzare, spiegando che l’analisi conferma i risultati dei trials clinici e che combinare i dati di diverse ricerche ha meno ‘peso’ di studi randomizzati, il New York Times spiega anche che il farmaco vende poco. Secondo le stime di un esperto le vendite stanno correndo a un tasso di 11 milioni di dollari l’anno, ben al di sotto dei 100-150 milioni che l’azienda ha detto di sperare di raggiungere quest’anno.