Un fiore per la ricerca

186

C’è tempo ancora una settimana per trovare le margherite solidali in oltre 70 centri di giardinaggio in tutta Italia: prosegue infatti fino a martedì 25 aprile l’iniziativa “MARGHERITA per AIRC”; per il quarto anno consecutivo AICG (Associazione Italiana Centri Giardinaggio) e i suoi associati supportano AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) per sostenere la ricerca oncologica. E lo fanno scegliendo ancora una volta la margherita, fiore della purezza per eccellenza e prodotto made in Italy al 100%.

COME E DOVE. Sono quest’anno più di 70 i centri giardinaggio associati ad AICG dove si possono acquistare fino al prossimo martedì le piante di MARGHERITA solidale al prezzo di 4.50 euro: per ogni margherita venduta, 1.50 euro sarà devoluto a AIRC per sostenere il finanziamento di una borsa di studio annuale per un giovane ricercatore.

TESTIMONIAL. La Margherita solidale quest’anno ha il supporto di un’altra Margherita: la campionessa mondiale di scherma Margherita Granbassi, da anni al fianco dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro nella doppia veste di ambasciatrice e volontaria.

MADE IN ITALY. La MARGHERITA per AIRC, interamente italiana – proviene dalla Riviera Ligure, in particolare dalla piana di Albenga, dove ogni anno ne vengono prodotti circa 10 milioni di vasi – e garantita da FDAI Filiera Agricola Italiana Spa, sarà contrassegnata da un’etichetta firmata FDAI e AICG.

RISULTATI 2016. Lo scorso anno la “MARGHERITA per AIRC” è stata presente in 44 centri di giardinaggio AICG, per un totale di 59 punti vendita; ne sono stati venduti 18 mila esemplari, grazie ai quali sono stati raccolti 30.000 euro. Fondi che hanno consentito di finanziare una borsa di studio di un anno che è stata assegnata alla dottoressa Olga Tanaskovic (Istituto Europeo di Oncologia), impegnata in un progetto di ricerca sui meccanismi biologici alla base della leucemia.