Tumore del polmone in aumento tra le donne di Bergamo

853

Il tumore del polmone è uno dei più frequenti nei paesi industrializzati. Rappresenta in Italia la principale causa di morte tumorale, con il 20% dei decessi sul totale di tutti i decessi tumorali. Infatti è il tumore più frequente per mortalità nel genere maschile (27% sul totale di tutti i decessi tumorali) e il terzo nel genere femminile (11% sul totale di tutti i decessi tumorali). Per quanto riguarda l’incidenza in Italia si colloca al terzo posto sia nel genere maschile che femminile.

“In Provincia di Bergamo si registrano mediamente ogni anno 434 decessi tra i maschi e 181 tra le femmine. Anche per la nostra provincia rappresenta la più importante causa di morte tra gli uomini (25% di tutti i decessi tumorali) e si colloca al terzo posto fra le donne (12% di tutti i decessi tumorali). Per quanto riguarda l’incidenza, si registrano ogni anno 523 nuove diagnosi tra i maschi e 205 tra le femmine, rappresentando così il secondo tumore più diagnosticato tra gli uomini (15% sul totale dei tumori diagnosticati) e il terzo tra le donne (7,5% di tutti i tumori diagnosticati)”. A rendere noti questi dati è il prof. Giuseppe Sampietro, Servizio Epidemiologico di Ats Bergamo.

Gli studi condotti dall’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTum), di cui fa parte anche il Registro Tumori di Bergamo, evidenziano, sia per la mortalità che per l’incidenza, un andamento temporale in decremento tra i maschi e in costante incremento tra le femmine. Questo dato è da porre in relazione al diverso andamento dell’abitudine al fumo nei due sessi negli ultimi due decenni. “Rispetto alle altre realtà del nord Italia – dichiara Sampietro – il tumore del polmone in provincia di Bergamo presenta una mortalità e un’incidenza sovrapponibile.”

Il fumo di sigaretta rappresenta il più consistente e riconosciuto fattore di rischio. Altri fattori di rischio sono: il fumo passivo, esposizione a radon, asbesto e metalli pesanti, quali cromo, cadmio e arsenico. “Gli ultimi dati confermano una tendenza già in atto da alcuni anni: il tumore al polmone è sempre più un nemico temibile per le donne. Non a caso la nostra Conferenza annuale 2018 si tiene proprio a ridosso della Festa dell’8 marzo”, commenta Roberto Labianca, direttore del Cancer Center dell’ASST Papa Giovanni XXIII e del Dipartimento Interaziendale Oncologico della Provincia di Bergamo. “Ancora una volta fare rete tra strutture del territorio ci permetterà di fare il punto su metodi di diagnosi, studi aggiornati e terapie innovative, mettendo in comune risorse preziose per sempre nuovi progressi nella lotta ai tumori.”