Reaxys SCI Young Researcher Award 2016: premiati tre giovani ricercatori

1114

Tre giovani ricercatori sono stati premiati dal Gruppo Giovani di Società Chimica Italiana e da Elsevier, azienda leader mondiale nel fornire soluzioni informative e servizi scientifici, tecnici e medici. Il premio, giunto alla seconda edizione, è conferito ai saggi di tre giovani chimici ed è rivolto agli iscritti alla SCI che svolgono un corso di dottorato o che abbiano recentemente conseguito il dottorato.

I vincitori di questa edizione sono:

PRIMO PREMIO: Marta Da Pian, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, per la chimica per la farmacia; la ricerca di Marta consente la sintesi di macromolecole in grado di replicare in modo artificiale il comportamento degli enzimi con applicazioni nel campo del trasporto e rilascio mirato dei farmaci;

SECONDO PREMIO: Stefania Mirabella, dell’Università degli Studi di Firenze, per la chimica per la medicina; Stefania ha studiato lo sviluppo di una nuova sintesi per ottenere composti organici analoghi di zuccheri che hanno potenziale attività antidiabetica;

TERZO PREMIO: Gianluca Longoni, dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, per la chimica per l’energia; lo studio di Gianluca si propone di studiare nuove formule in grado di generare inchiostri utilizzabili per la stampa 3D di batterie di piccole dimensioni.

Infine qui di seguito alcuni dati (elaborati dalla Società Chimica Italiana e da Elsevier) sullo stato della ricerca chimica in Italia. Dal 2008 a oggi il settore industriale ha segnato, per quanto riguarda la chimica, una leggera ripresa soprattutto in regioni quali Lombardia, Veneto e Lazio che hanno la più alta densità di aziende chimiche. Ma qual è la fotografia attuale della ricerca chimica in Italia? I giovani ricercatori, under 35, oggi sono circa 6.000 tra uomini e donne. Nell’ultimo biennio il 3,9% della ricerca si è focalizzato sulla chimica e in particolare nella chimica generale (30.6%), nella chimica fisica e teorica (20.8%) e nella chimica organica (18,7%). Dal 1996 a oggi poi il numero di pubblicazioni e il numero delle collaborazioni internazionali in questo campo sono aumentati costantemente: i cinque Paesi con i quali l’Italia più collabora sono Francia, Spagna, Germania, Regno Unito e Svizzera mentre il Paese fuori dall’Europa col quale i ricercatori italiani più collaborano sono gli Stati Uniti d’America. Negli ultimi venti anni si è registrato un aumento del Field Weighted Citation Impact che è cresciuto da 1 nel 1996 a quasi 1,6 nel 2015: questo indice mostra che la qualità della ricerca chimica è aumentata.