Il cervello è unico per maschi e femmine ma può “cambiare” sesso con lo stress

1511

Secondo la tesi sostenuta da Daphna Joel, School of Psychological Sciences and Sagol School of Neuroscience, Tel-Aviv University, il cervello non ha sesso, nel senso che non esistono un cervello donna e un cervello maschio: “Studi condotti su animali dimostrano che le espressioni di caratteristiche considerate maschili o femminili – spiega Daphna Joel – possono essere diverse e addirittura opposte sotto diverse condizioni ambientali, e rivelano scarsa coerenza interna. Analogamente, l’analisi delle immagini di risonanza magnetica di oltre 1.400 cervelli umani ha rivelato che la coerenza interna tra i cervelli è rara. Piuttosto, la maggior parte dei cervelli sono costituiti da ‘mosaici’ unici di funzioni, alcune più comuni nelle femmine rispetto ai maschi, alcuni più comuni nei maschi rispetto alle femmine, e alcuni comuni ad entrambi. Una simile analisi di dati correlata al genere (comportamenti, caratteristiche di personalità ed emotive, capacità cognitive e atteggiamenti) e riferita a oltre 5.500 individui ha rivelato che la coerenza interna delle caratteristiche di genere è estremamente rara. La mancanza di tale coerenza interna nel cervello umano e di caratteristiche di genere ci porta a rivedere il pregiudizio consolidato che i cervelli si possano catalogare in due categorie distinte (uomini/donne, cervelli maschio/cervelli femmina) per apprezzare la variabilità del genere umano e dei mosaici di caratteristiche che lo costituiscono”.
Ma possono bastare 15-20 minuti di stress, a volte anche meno, perché il cervello possa diventare maschile o femminile. “Infatti – dice la ricercatrice – gli ormoni influenzano molte caratteristiche cerebrali, come giustamente descritto in molti saggi sul tema; tuttavia è a questo punto che diventa importante la storia dei ‘15 minuti di stress’: il modo in cui questi ormoni hanno impatto sulle caratteristiche delle regioni cerebrali, può essere completamente diverso in diverse condizioni ambientali. In altre parole, una caratteristica cerebrale tipica di un sesso in alcune condizioni (ad esempio in assenza di stress) può diventare tipica dell’altro sesso in altre condizioni (ad esempio in seguito a 15 minuti di stress). Questo non accade in tutto il cervello e pertanto non è l’intero cervello a passare da una forma ‘femminile’ a una ‘maschile’ e viceversa. Cambiano le caratteristiche di alcune regioni cerebrali ma non di altre, che potrebbero poi modificarsi in altre circostanze (ad esempio in seguito a tre settimane di stress)”.