I PFAS rendono la donna infertile e inducono aborti 

1009

I Pfas alterano la funzione dell’utero interagendo col progesterone e alterano i meccanismi che regolano il ciclo mestruale, l’annidamento dell’embrione e il decorso della gravidanza; ritardano inoltre la comparsa delle prime mestruazioni. È quanto sostiene il gruppo di ricerca del prof. Carlo Foresta di Padova, che presenterà al convegno sulla riproduzione uno studio sulle ragazze ventenni residenti nell’area rossa PFAS del Veneto.

I composti perfluorurati (PFAS) sono sostanze chimiche di sintesi che vengono utilizzate per rendere resistenti ai grassi e all’acqua tessuti, carta, rivestimenti per contenitori di alimenti, ma anche per la produzione di pellicole fotografiche, schiume antincendio, detergenti per la casa; possono essere presenti in pitture e vernici, farmaci e presidi medici. Alcuni studiosi del gruppo di ricerca dell’unità operativa complessa di Andrologia e Medicina della Riproduzione dell’Azienda Ospedale dell’Università di Padova, coordinata dal prof. Carlo Foresta, avevano scoperto il meccanismo attraverso il quale proprio i Pfas interferiscono con l’attività ormonale e la ricerca era stata pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

Studi recenti hanno riportato conseguenze sulla salute pubblica a diversi livelli nelle popolazioni esposte a elevate dosi dei PFAS. “L’organismo li ‘scambia’ per ormoni, interferendo con l’azione delle ghiandole endocrine e causando malattie a breve e a lungo termine; queste sostanze possono alterare l’equilibrio ormonale fondamentale per la crescita e lo sviluppo del feto e del bambino: le persone più esposte hanno un maggior rischio di patologie riproduttive (infertilità, abortività, endometriosi, etc.), di disturbi comportamentali nell’infanzia e forse anche di diabete e di alcuni tipi di cancro (testicolo, rene, prostata)”, dichiara Foresta. Molte di queste patologie associate all’inquinamento da PFAS si sviluppano in organi sensibili agli ormoni testicolari, e in particolare al testosterone.a