Genova Anno IX - n°50 - 11.05.2012 Pagine Nazionali

del 03/08/2012

L’Affaticamento da Malattia del Bacio


clicMedicina - redazione@clicmedicina.it   

Perché Malattia del Bacio? Si tratta della mononucleosi, una malattia febbrile di origine virale, diffusa soprattutto fra i giovani: può essere contratta in qualsiasi ambiente affollato e per questo risulta estremamente contagiosa; il contagio avviene attraverso la saliva e quindi anche attraverso il bacio . La malattia è causata dal virus di Epstein-Barr (EBV), appartenente alla famiglia degli Herpes Virus e ha un periodo di incubazione variabile fra 30 e 50 giorni. Il nome deriva dal fatto che la malattia causa un aumento dei globuli bianchi, in particolare delle cellule mononucleate.

Secondo un articolo pubblicato su Pediatrics. 2009 (124: 189-93) la mononucleosi infettiva potrebbe essere un fattore di rischio di sindrome da affaticamento cronico negli adolescenti. Nei tre quarti degli adolescenti che soffrono di questo disturbo sono state documentate patologie infettive simili alla mononucleosi in precedenza, e circa la metà di questi soggetti presenta mononucleosi attiva all'atto dell'insorgenza dei sintomi. Sia il sesso femminile che gravi forme di affaticamento acuto sono state associate allo sviluppo dell'affaticamento cronico nell'adolescente, ma non l'uso di steroidi durante la fase acuta della malattia. Sono necessarie ora ulteriori ricerche per determinare altri fattori predittivi di persistenza dell'affaticamento dopo la mononucleosi infetttiva.

Il sintomo principale della mononucleosi è rappresentato dalla stanchezza; solo in una minoranza di casi si manifesta con l'ingrossamento dei linfonodi del collo, della nuca, delle ascelle e dell'inguine, mal di gola intenso (a volte con le tonsille ricoperte di muco verdastro), febbre elevata e prolungata (anche due settimane), astenia, esantema (in un paziente su dieci), lieve ingrossamento della milza. Poiché l'origine è virale, gli antibiotici sono sconsigliati (anzi in pazienti sottoposti a trattamento con ampicillina possono comparire chiazze rosate in tutto il corpo), come pure i cortisonici poiché abbassano l'efficienza dei globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nella patologia.
 

Fonte foto: http://www.sanioggi.it

 

 

 






 
 
 
 

  



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati