Attenzione: per poter usufruire del servizio di risposta dallo specialista occorre essere iscritti alla news-letter. Vi verrà fornita una password da inserire nell'oggetto della vs. email.

 

 

 

“Ho un forte dolore al pene”


Scrivo per segnalare un problema che mi assilla da tempo e del quale non riesco ad individuare la natura né quindi tanto meno a delineare una possibile terapia. E' ormai circa 1 anno e mezzo che soffro per periodi piuttosto lunghi (in media una decina di giorni consecutivi ogni mese) di un fastidioso e lancinante dolore al pene, difficile da descrivere con precisione. Si tratta di una sorta di bruciore continuo - che si accentua soprattutto nelle ore notturne tanto alcune volte da non farmi dormire per l'intera notte -, più intenso alla punta ma che si irradia anche all'interno del pene, e che a volte si "trasferisce" (non saprei trovare un verbo più adatto alla sensazione) anche allo sfintere anale. Per di più in alcune giornate si associa ad una forte tendenza all'incontinenza, giunta due volte sino al punto di non essere riuscito a trattenermi "en plein air" (ma vi risulta che i bagni pubblici siano una cosa che esiste, o uno che ha certi problemi è costretto a comprare un caffè o un bicchiere di minerale ogni mezz'ora?).
Da ordinari esami e visite specialistiche di tipo urologico ed andrologico (anche la sessualità ne risulta decisamente compromessa, con erezione difficoltosa, eiaculazione laboriosa e faticosa con un esito "senza spinta" e poco sperma emesso, sempre che questi problemi siano collegati a quelli di cui sopra) non sembra risultare alcunché di significativo. Ho poi pensato di chiedere un parere ad un neurochirurgo, in quanto affetto da marcata spondilolistesi e spondilolisi di L5 su S1 con pressoché scomparsa del disco interposto e riduzione dello speco vertebrale, ma anche in questo caso mi è stato detto che tale patologia non è all'origine del problema, per quanto la visita non mi abbia del tutto convinto. Ora mi balocco la mente con ipotesi fantasiose non suffragate da niente di preciso: saranno problemi circolatori, dermatologici, allergici, ormonali, intestinali? La cosa certa è che i sintomi sembrano peggiorare, che non ne posso francamente più e che non so a chi rivolgermi; chiedo pertanto a Voi (ed è quasi "l'ultima spiaggia") eventuali formulazioni di ipotesi e consigli su esami e/o visite da effettuare e possibili terapie.
Preciso che ho 46 anni, pregandoVi nel contempo di non trascrivere nome ed indirizzo in caso di pubblicazione.


Grazie.


R.S.

 


Risposta
 

I disturbi della minzione associati ai dolori del pene possono essere espressione anche di patologie differenti.
Il dolore al pene spesso dipende dall’infiammazione della tunica albuginea, può essere presente sia a riposo che in erezione e caratterizza l’esordio del 30% dell’Induratio Penis Plastica. In tutti gli altri casi questa malattia si rende evidente tardivamente solo in erezione, quando il pene diventa curvo ed interessa maschi al di sopra dei 30 anni con i picchi massimi verso i 50-65 anni Al contrario se il dolore interessa il pene, quella porzione compresa tra l’ano e l’attaccatura dello scroto (zona perineale) e sono presenti disturbi della minzione, caratterizzati da diminuzione del getto, aumento della frequenza, allora bisogna considerare l’ingrossamento della prostata (adenoma) e/o infiammazione della stessa ghiandola (prostatite). In entrambi i casi è presente difficoltà a svuotare completamente la vescica e anche la spinta verso l’esterno del liquido seminale risulta ridotta o addirittura dolorosa per un restringimento dei dotti eiaculatori. Inoltre entrambe queste patologie possono essere responsabili di altri disturbi sessuali come difficoltà ad ottenere l’erezione ed eiaculazione precoce o ritardata. Comunque, quando il quadro clinico non risulta sufficiente per chiarire l’origine dei disturbi, le indagine urologiche dovrebbero essere completate dall’ esame urodinamico per quantificare e qualificare i disturbi della minzione. Solo successivamente è giusto ricorrere alla consulenza neurologica per escludere la presenza di fenomeni irritativi o degenerativi a livello del sistema nervoso.
 

Prof. Aldo Franco De Rose
Specialista Urologo e Andrologo Genova e Roma

aldofdr@libero.it

 

 
 






 
 
 
 

  



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati