Queste pagine sfruttano gli standard avanzati W3C, sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati W3C



 

 

Attenzione: per poter usufruire del servizio di risposta dallo specialista occorre essere iscritti alla news-letter. Vi verrà fornita una password da inserire nell'oggetto della vs. email.

 

 


Ho i linfonodi ingrossati, devo fare la biopsia?



Salve.
Sono un uomo di 35 anni e da circa 1 mese e mezzo si è palesato un importante rigonfiamento linfoghiandolare ascellare di destra, dolente.
La prima eco fatta, ha evidenziato un pacchetto linfonodale iperplastico, con strutture linfonodali dal diametro di 3-4 cm, con alcune aree di necrosi colliquative, utile l'esame bioptico.
Gli esami ematochimici hanno evidenziato valori alti del VES (26 A su 0-12) e della proteina C Reattiva (1.1 A su 0.0-05), mentre gli altri valori nella norma.
Ho provveduto a fare esami più specifici quali quelli del Complesso Torch, nonchè TIN Test, e tutto negativo, unica nota è l'IgG del Virus Epstein BARR 3.8 (positivo da > 1.2) che potrebbe indicare anche una semplice passata influenza.
Ho fatto terapia antibiotica per 7-8 giorni con della Calritrominica, nonchè successivamente antinfiammatoria per 7 gg. con flaminase cpr, ma senza nessun risultato nella riduzione del pacchetto.
Solo diversi giorni da dette terapie (2 settimane circa) dopo aver usato tra l'altro un rimedio naturale, quale l'aloe arborescens, vuoi per caso o per altro ho avuto un ridimensionamento delle strutture linfonodali.
Infatti l'esame ecografico successivo (18 gg. successivi al primo) parla iperplasia linfonodale di 2-3 cm (contro i 3-4 cm), presenza di imbimbizione edematosa e presenza di aree di degenerazione necrotica linfonodale.
I valori più attuali parlano di VES da 450 circa (su max di 400).
Il medico che mi segue, pur soddisfatto del ridimensionamento dei linfonodi, ha deciso di sottopormi all'asportazione di un linfonodo per farlo bioptizzare.
Vorrei sapere cosa ne pensate in merito giacchè potrebbe trattarsi anche di un linfoma.
In che casi oltre che in un presunto linfoma si hanno aree di degenerazione necrotica, ovvero di necrosi colliquative?
E' vero che un linfoma non regredisce ovvero riduce le sue dimensioni, e che l'importante ridimensionamento linfoghiandolare potrebbe essere dovuto alla parte sierosa dell'area?
Si rende veramente così necessario l'intervento di asportazione, o sarebbe il caso di aspettare ancora che si riducano le strutture linfoghiandolari giacchè anche ad esame di TAC Total Body con mezzo di contrasto non si è evidenziato alcunchè se non quanto già evidenziato dalle due ecografie ?
Vi prego la rapidità, grazie mille.
Deferenti saluti.


Risposta

 

L'atteggiamento del suo medico è stato molto corretto. Se dalla valutazione clinica e dagli esami ematochimici, compreso un emocromo, non c'è una indicazione precisa per il tipo di malattia che abbia potuto determinare questo ingrossamento linfonodale, è giusto asportarne uno per una valutazione più approfondita, che possa consigliare una terapia più mirata D'altra parte, in caso di mononucleosi, la linfoadenomegalia è sempre più generalizzata e mai distrettuale.

 

afdr@clicmedicina.it