Queste pagine sfruttano gli standard avanzati W3C, sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati W3C



Attenzione: per poter usufruire del servizio di risposta dallo specialista occorre essere iscritti alla news-letter. Vi verrà fornita una password da inserire nell'oggetto della vs. email.

 


E' possibile rimanere "attaccati" durante un rapporto anale?


La mia è domanda un po' particolare, nel senso che riguarda i rapporti sessuali e in specifico quello anale.

Le spiego perchè vorrei avere delle informazioni....ho dei rapporti anali con mio marito però ho sempre la paura di rimanere "attaccati" come si usa dire qui da noi, non saprei il termine medico, comunque penso che avrà capito, ho paura che succeda che il pene non esca più e dovremmo ricorrere al pronto soccorso, con tutti i disagi possibili che ne derivano.

Ecco vorrei sapere, come può succedere, come fare per evitare che succeda ed eventualmente il rimedio senza passare dal pronto soccorso. Siccome ho sentito dei casi, mi è entrata la paura e così il farlo mi crea tensione. La ringrazio se mi potrà rispondere e scusi per il disturbo.
Buon lavoro e cordiali saluti
 

Lettera firmata
 

Risposta

 

La sua preoccupazione è in realtà una complicanza rarissima. Essa è dovuta ad uno spasmo dello sfintere anale . E' consigliabile quindi utilizzare creme lubrificanti ma non vivere nel terrore. Pensi a quanti milioni di rapporti anali ci possono essere al giorno in una città, in una nazione e in tutto il mondo...e quante sono le persone che hanno il problema...nessuno.

 

Quando si verifica lo spasmo dello sfintere , raramente viene raccontato, è vero, bisogna avere l'accortezza di ritirare il pene subito oppure xilocaina 2% da iniettare attorno allo sfintere (naturalemnte dovrà essere il medico ad eseguire questa manovra). Ad ogni modo, forse potrebbe essere sufficiente anche un anestetico da applicare localmente (emla crema).

 

Aldo Franco De Rose (Andrologo e Urologo, Clinica Urologica di Genova)