Onde magnetiche contro l’Alzheimer

1176

La stimolazione magnetica transcranica è un trattamento innovativo dell’Alzheimer e a Brescia sta partendo un progetto che ha lo scopo di testarne l’efficacia nel migliorare i sintomi cognitivi di pazienti affetti da questa forma di demenza. Siamo di fronte a un approccio avanzato dell’elettroceutica in cui si usano le stimolazioni elettromagnetiche per migliorare le funzioni cerebrali. “Il trattamento non è invasivo, è personalizzato ed è mirato a riattivare la connettività dei circuiti cerebrali indeboliti dalla malattia. Inoltre, mediante la combinazione con un approccio innovativo di imaging multi-modale, sarà possibile studiare i meccanismi neurali responsabili del miglioramento clinico, con notevoli implicazioni nello studio di questa patologia”, commenta Debora Brignani, coordinatrice del programma.

L’importanza del progetto, che è finanziato con 450mila euro e impiega giovani ricercatori, non è solo scientifica: se l’intervento avrà successo, il progetto avrà un impatto immediato sulla qualità di vita dei pazienti, con importanti ricadute sui tempi e sui costi dell’erogazione dei servizi riabilitativi. Il progetto sarà svolto in collaborazione con l’IRCCS Santa Lucia di Roma e vi lavoreranno almeno 3 giovani ricercatori.