Obesità: un problema sociale ancora da gestire

441

I dati in Italia sono allarmanti: 6 milioni gli obesi, 500mila i grandi obesi, 1 bambino su 3 è in sovrappeso e 1 su 4 è obeso. Ogni anno 57mila persone muoiono per le complicanze di questa malattia, circa una ogni 10 minuti. Nel resto del mondo la situazione è anche più grave: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, gli adulti in sovrappeso sono 1,9 miliardi, di cui circa 600 milioni obesi. L’obesità rappresenta, inoltre, un costo significativo per il Sistema Sanitario: si calcola che nel 2012 sia stata responsabile del 4% della spesa sanitaria italiana per un totale di circa 4,5 miliardi di euro. Questo, anche a causa delle sue comorbidità: sovrappeso e eccesso ponderale sono responsabili di circa l’80% dei casi di diabete, del 55% dei casi di ipertensione e del 35% di quelli di cardiopatia ischemica e di tumore.

Nei casi più gravi, la soluzione, dopo un’attenta valutazione interdisciplinare (chirurgo, nutrizionista, psicologo, diabetologo) è la chirurgia bariatrica, che tramite il ricorso alle tecniche d’avanguardia oggi a disposizione può rivelarsi più efficace della dieta e dell’attività fisica, consentendo un calo di peso significativo. Secondo una recente indagine condotta dal Centro di Studio e Ricerca sulla Sanità Pubblica dell’Università Milano Bicocca, con la chirurgia bariatrica si può ottenere un guadagno per paziente di oltre tre anni di vita, vissuta in condizioni di salute ottimali e una riduzione della spesa per paziente di 11,384 euro. Nonostante sia riconosciuta come malattia dalla comunità medico-scientifica, secondo un position paper dedicato (realizzato dal Centro Studi e Ricerca sull’obesità in collaborazione con le Società Scientifiche SIO e SICOB, ADI e Amici Obesi Onlus), l’obesità in Italia continua, anche se in continua crescita, a non essere considerata tale.